bottleneck analysis

Fresh insights about energy, politics, travels, sports, music…

Monthly Archives: February 2012

Italy and India: Petty, Not Pretty

Giarre, Italy

I’m writing this in English because I don’t like Italy on this issue.

The use of “we” is sarcastic, whereas the use of “I” is serious.

So close in the alphabetical list of countries, so far apart with all the rest. Generalization: Italians know nothing about India and Indians know nothing about Italy. Sure, Slumdog Millionaire and Bollywood are known in the Mediterranean peninsula, as much as pizza and La Dolce Vita are in the South Asian peninsula. However, the first I came across people from India, or with a strong Indian family background, was not that long ago, when I first arrived in California. Then I realized that I was precisely like the Italians I just criticized: ignorant. First, I could not locate anything on a blank map of the Indian sub-continent. Second, I knew nothing about the culture, the food, the music, and the customs. So I reacted, as usual, by stretching open my eyes and ears as much as possible in order to listen and understand more about this whole world unknown to me.

While mine was a voluntary learning experience – that, to be fair, I did not take too far – the Italian public nowadays is being forced into learning toponyms, watching archival footage of a faraway land, and staring at mute speeches of Indian politicians. The journalist’s voice runs over the video report spelling out the same names and information over and over, because there is nothing else to talk about than a legal dispute between an Italian tanker and an Indian fishing boat.

The Events, Briefly

Two members of the Italian army were arrested with the accusation of having killed two Indian fishermen on February 15. The Italian’s side defense is as follows: The Italian tanker sent warnings to the approaching boat, which did not respond. So, for fear of being attacked by pirates, as it had been happening frequently, from the Italian cargo a few warning shots were directed in the whereabouts of the boat, without actually hitting the boat (they were “warning” shots, after all!). Moreover, the Italian side argues that the whole incident took place in international waters, i.e. outside the limits where Indian jurisdiction would be competent for dealing with the case.

The Indian side counters all these affirmations. The arrest had a clear charge, murder. The Italian soldiers are held in prison and will face a trial because they are accused of having killed two Indian fishermen without warning in Indian waters. According to this version, there’s little to be done for the Italian Minister of Foreign Affairs, who has been traveling to India and sending countless envoys to save Italy’s face in the case.

Then there’s another possible explanation: The Italian tanker intercepted a pirate ship and fired against it, either hitting the innocent fishing boat or just provoking a deroute to the pirates who then shot on the fishermen. Italian journalist have declined the possible war of religion (the fishermen were Catholic) and the monstruous alien’s explanation. Personally, I am very thankful for the latter responsible stand.

What We Won’t Hear (As Much) In Italy

The Financial Times reports that today, February 27th, a file was opened by Indian authorities on alleged irregularities from Finmeccanica, a defense industry giant company. Italy and its government have high stakes in Finmeccanica and if the helicopter deal worth $560 million is to be voided, it would be a harsh blow at this evergreen Italian business. Italy has gained the favor of  many dictators and some military-thirsty countries by providing with cutting-edge defense tools.In 2010, Finmeccanica won a bid over Sikorsky, a US firm, for the supply of helicopters.

State-controlled Finmeccanica has gone through dire times lately, when its chairman and his wife (who chaired a subsidiary company) were induced to resign over allegations of corruption and nepotism. Further clouds to its reputation would surely obscure its market position in India and force “shrimp steps” away from a fast-growing and interesting country. Factoring out the whole (petty) discussion about nuclear weapons, the Italian attitude looks like the one that induced the pulling out from Iran, which will prove unfortunate and myopic in the upcoming years.

Face It, Our Country Is Petty

Italians: we are one percent of the world’s population and we feel that Ancient Rome, Dante, and our culinary and filming abilities will save us from the world’s oblivion of our existence. India is unknown to Italians (and the West altogether, if I may) although it represents a big chunk of the earth and about a quarter of the population. By no means I regard a society so stratified, so reliant on religion, so divided as a “democracy”, be such term intended in its “Western” meaning or in its original one. However, India is taking giant steps towards the economic leadership of the world. Not so different from China in its “let them do politics, we’ll make money”-approach, it is going to be a clear protagonist of this century.

Conversely, Italy might just watch its own sunset with this skirmish. The traditional, twentieth century power, and former colonizer succumbs in a few diplomatic quarrels to the emerging power and still doesn’t know what to do about it. While going through the desert of power demise, Italy found itself naked, without a camel or a guide. This is a clear sign that Italy’s say in the global community has lost the power that Rome had struggled to regain after World War II. Let’s go learn about the real subjects of tomorrow’s world order, instead of sitting in grey-haired Western political clubs.

Advertisements

Su Pei Monti

Giarre, Italy

Questa è la traduzione del post di qualche giorno fa sulla crisi. Proverò a rispettare fedelmente le mie parole, onde evitare di scrivere altro e creare confusione. Quindi, chi ha già letto “Ain’t No Monti High Enough” è esonerato dal rileggere. Tuttavia, incoraggio i commenti, visto che prevedo di scrivere ancora sulla crisi politica in risposta alla crisi economica. Ho cominciato il mio intervento precedente con un gioco di parole su una canzone di Marvin Gaye e Tammi Terrell. Per il presente scritto, ho scelto un verso di un mottetto degli alpini, visto che la crisi sembra sempre più una vetta da scalare e che “Monti” è il cognome perfetto per mille giochi di parole.

Questo è un articolo sulla crisi. Ne parlo dalla prospettiva di un non-esperto, perché non credo che, a meno di essere riuscito a sopravvivere a un terremoto o a un naufragio, nessuno possa ergersi a “esperto in gestione di crisi”. Siamo tutti novizi, specialmente quando i grandi accademici ci avvertono che questa crisi somiglia a quella del 1929. Nessuno di noi era lì allora, almeno in posizione di “gestire” la crisi. E se ci fosse qualche superuomo in grado di contraddirmi, probabilmente la sua senilità non gli permette di essere lucido abbastanza da comprendere l’oggi. Stiamo tutti tirando a indovinare.

Cominciamo. Il supercapitalismo del nuovo millennio sta cercando nuovi modi di affrontare le proprie contraddizioni. Ma non più ritornando alle politiche keynesiane che, insieme al nazionalismo prima e alla divisione ideologica durante la guerra fredda, hanno tenuto il sistema in piedi.

Senza più partiti socialdemocratici ai governi dei Paesi europei, ci sono poche possibilità che le riforme necessarie alla sopravvivenza del capitalismo siano portate a termine. La socialdemocrazia infatti ha tenuto alto il vessillo del capitalismo attraverso politiche espansive che hanno ridotto la distanza tra le classi sociali, senza però mostrare interesse verso il principio di uguaglianza – quando lo fecero era per conquistare i voti a sinistra – e progressivamente abbandonando l’idea della lotta proletaria – avevano anche bisogno dei voti del centro, dopotutto. L’onda conservatrice degli inizi degli anni 2000 è stata seguita da una dura crisi economica e da tornate elettorali sempre più conservatrici. La bassa partecipazione al voto testimonia che i delusi lasciano del tutto il circo elettorale.  La socialdemocrazia, d’altro canto, è in crisi: non riesce a rialzarsi dalla sconfitta e a presentarsi come l’alternativa. A mio parere, questo succede a causa del fenomeno della perdita di memoria, che si ripete ciclicamente tra i movimenti sociali. A questo non c’è soluzione. Non bisogna sperare che un Partito Democratico o un Partito Socialdemocratico venga a risolvere i problemi in una maniera diversa da quella standard e capitalista.

La bonanza finanziaria fittizia di cui hanno profittato le banche è passata sotto il naso degli Stati. Tutto quel denaro virtuale ha gonfiato la bolla che è scoppiata qualche anno fa, provocando un cieco e irregolare effetto domino. In pochissime parole, gli Stati non sono riusciti a regolare il mercato che gli stava usurpando la sovranità. Quando un’istituzione finanziaria possiede il debito privato e pubblico e finanzia le campagne elettorali, ci sono poche possibilità di scampo per i politici all’inchinarsi e all’obbedire alle banche che chiedono la deregolamentazione sulle operazioni finanziarie. Allo stesso tempo, un altro tipo di istituzione finanziaria è entrata in gioco, protagonista di un capitalismo senza fair play: l’agenzia di rating. Il quartier generale è generalmente a Londra, oppure a New York, la squadra è formata da pupilli delle scuole di business (MBA) e da economisti assetati di STATA. Il ruolo dell’agenzia di rating è di dare un voto al debito degli Stati. A causa della crisi, queste agenzie hanno cominciato a declassare i rating degli Stati, conseguentemente esponendo molte economie nazionali a problemi sempre maggiori (mancata ricezione di investimenti e impossibilità di ripagare il debito). Con queste economie al collasso, l’Europa, l’America e alcune altre realtà oltre gli Urali hanno sofferto la peggiore crisi degli ultimi 50-80 anni.

Le banche che soppiantano gli Stati, i derivati che aggirano le leggi e il comportamento incerto delle vecchie potenze verso quelle emergenti hanno portato a un’evidente deficit democratico nel mondo occidentale. Non credo che la “democrazia”, nella sua accezione attuale, sia un concetto occidentale, ma credo che il deficit si verifichi proprio nel concetto occidentale di democrazia. La “politica attraverso le elezioni” ha perso la propria importanza e il suo fascino verso il pubblico. Solamente nel 2011 siamo stati testimoni di molteplici esempi di “movimento-anti“: gli indignados spagnoli, la Primavera Araba, il movimento Occupy americano e le rivolte in Grecia. Milioni di persone sono state mobilitate dalle proprie sensazioni, che gli indicavano che qualcosa non andasse nel modo in cui la società è governata. Queste persone non vogliono ripetere questa esperienza (vedi i Forconi) e guardano ai politici e ai potenti come tutti uguali. Sì, questa è la crisi più profonda della democrazia nel mondo occidentale dal momento della sua creazione – da notare che anche il concetto di “occidentale” è artificiale e quindi modificabile – e non sembra che la classe dirigente sia cosciente della minaccia che dovrà affrontare.

La soluzione che l’Occidente propone è austerità: “Stringete la cinghia, gente, bisogna tenere in piedi il capitalismo e questa volta il 99% di voi dovrà pagare in contanti”. Come se fosse normale pensare che il capitalismo sia la soluzione di tutti i problemi. Certo, quando funziona, quando prende le adeguate misure per contrastare crisi gli eccessi, verso l’alto e verso il basso, il capitalismo è simpatico alla stragrande maggioranza del pubblico. Ma è nei momenti di crisi che le persone cominciano a metterlo in discussione. Se ne parla perfino. Si riconosce come entità, non come assioma, come sta accadendo oggi, udite udite, negli USA.

Credo che si possa percorrere un’altra via. Non c’è bisogno di vendere la Grecia, la Spagna e la Sicilia per migliorare la valutazione finanziaria dell’Europa. Dopo tutto, ogni Stato è sovrano. Nonostante ciò, non sembra che ci siano alternative al vocabolario naturale della classe dirigente capitalista. Le azioni politiche di Monti per l’Italia – allo stesso modo di quelle dell’altro governo “tecnico” in Grecia – sono viste come un male necessario. Lo spirito di sopravvivenza proprio del capitalismo è penetrato nell’anima dell’uomo e ne è pure diventato la missione. C’è bisogno che le persone si alzino in piedi e dimostrino che le azioni si possono intraprendere anche al di fuori della scatola capitalista, che per molti è diventata una gabbia. Per questa ragione, mi schiero contro i Partiti Socialdemocratici o cosiddetti Socialisti che si inchinano al dio onnipotente del denaro e della finanza invece che perseguire gli ideali che furono fondamento della loro nascita.

Ain’t No Monti High Enough

Giarre, Italy

This article is about the crisis. Addressed from a non-expert perspective, because I don’t think anyone who hasn’t survived an earthquake or a shipwreck should have a say in this as an “expert in crisis management”. We’re all newbies, especially when old academics tell us this is comparable to the 1929 economic meltdown. None of us was there then, at least in managerial positions. If some superman is out there to prove me wrong, he’s probably too old and senile to understand what goes on today. We’re all guessing. Sarà presto tradotto in italiano.

Marvin Gaye and Tammi Terrell insisted that love would overcome every kind of obstacle. At least for the three minutes they sang “Ain’t No Mountain High Enough“. Tammi died prematurely and her friend Marvin had to face the rough truth of the unsurmountable barrier of death. Styx and Acheron are indeed “rivers wide enough”. The “too-big-to-fail” economic paradigm of the last few years has displayed the same gay optimism of Gaye&Terrell. The only difference is that it gave false hopes to investors, small portfolio owners, and passer-by citizens. Not to teenagers at a concert. The new millennium’s ubercapitalism is trying new ways of dealing with its contradictions, no longer retorting to welfare and keynesian policies, which, together with nationalism first and the ideological divide of the Cold War later, have kept the system alive.

With no social-democratic parties left at the governments throughout Europe, there’s little chance that the reforms needed for the survival of capitalism will be carried forward. Social-democracy, in fact, has held high the banner of capitalism through expansive policies that shrank the gap between classes, although never standing for equality – when they did, they needed votes from the left – and progressively abandoning the idea of proletarian struggle – they also needed votes from the center. The conservative wave of the early-to-mid 2000s has been followed by a harsh economic crisis and by more conservative rounds of elections. The lower and lower turnout shows that those who disagree tend to abandon the electoral circus as well. Social-democracy, however, is in crisis: it cannot manage to recover from the defeat and present itself as the alternative. In my opinion, this happens because of the loss of memory that the social movements experience cyclically. There is no solution to this. One must not hope that a Democratic Party or a Social-democratic Party would come in and solve problems in a way that escapes capitalist dynamics.

Monti "The Savior"

States have overlooked the financial bonanza that was rampaging under their noses, when banks gained high revenues on the fictitious money they lent out. All that virtual money inflated the bubble that exploded a few years ago with an irregular and blind domino effect. In fewer words, states failed to regulate a market that was overtaking their sovereignty. When a financial institution owns private debt, public debt, and finances campaigns, there is little chance for statesmen to avoid bowing and nodding to every de-regulation request by banks. Meanwhile, another kind of financial organization stepped in and played dirtier capitalism, rating agencies. Based either in London or in New York and composed by formations of MBA graduates and STATA-thirsty economists, rating agencies have graded states’ debt for decades. However, due to the crisis, they started to selectively downgrade states’ ratings and putting their economy in jeopardy. With crumbling economies, European, American, and selected countries east of the Urals suffered the worst social and political crisis of the past 50 years.

Banks overriding states, financial derivatives circumventing the law, and the uncertain behavior of former powers towards the rise of new ones led to a blatant democratic deficit in the Western world. And, while I do not think that “democracy” is something standard and invented by the West, in this case, I consider a lack of democracy “Western style”. Electoral politics have lost their importance and appeal to the public. Only in 2011 we saw all sorts of anti activities, from indignados in Spain to the Arab Spring to the Occupy movement in the US to riots in Greece. Millions of people mobilized by the feeling that there’s something wrong with the way society is run and that are not willing to pose in yet another electoral snapshot. Those who campaigned for a party last year, now are unwilling to do it again (cfr. the Forconi in Sicily) and see “all politicians and powerful men as the same“. This is the deepest democratic crisis the Western world has undergone since its creation – yes, the concept of “West” is man-made, therefore susceptible of change – and it seems that the ruling class is not aware of the danger it faces.

The solution that the West is proposing is austerity: “Tighten your belts, folks, we have to keep capitalism alive and this time the 99% of you is going to pay for it in cash.” As if it was the normality to think about capitalism as the solution of all problems. Sure, when it works, when measures are taken to fight highs that are too high and lows that are too low, capitalism is nice to most of people. But it’s in time of crisis that people start putting it into question, or even talk about its existence, as is now happening in the US. I say that there could be another way. There is little need to sell out Greece, Sicily, and Spain to solve Europe’s financial ratings. After all, every state is sovereign. Yet, there seems to be no alternative to the natural discourse of the capitalist ruling class and Monti’s provisions for Italy – just like the other “technical” government in power in Greece – are seen as a necessary evil. The spirit of self-subsistence of capitalism has subtly pervaded the souls of the ordinary people and has become their mission. There’s much need for people to stand up and show that things can be done out of the capitalist box, which for many has become a cage. For this reason, I stand against Social Democratic and so-called Socialist parties that bow to the almighty god of money and finance instead of pursuing the ideals that originated them.

Al Capolinea – Seconda Parte

Ragusa-Giarre, Italia

Ho recentemente perso l’abitudine e l’interesse per l’esercizio del mio diritto-dovere di voto. Uno dei motivi è che spesso mi trovo temporaneamente all’estero e il nostro Paese non rende agevole l’esercizio di voto al di fuori del proprio comune di residenza. Infatti, anche durante la mia esperienza domiciliare in Romagna mi sentivo all’estero, dato che per votare avrei dovuto stare in treno per 36 ore in 3 giorni e vedermi rimborsato solo la metà del biglietto. Un altro motivo è la reale corrispondenza tra la meccanica azione di mano e matita e l’effetto sperato. Specialmente le elezioni nazionali funzionano in maniera poco influenzabile dal voto, dato che le liste sono ordinate secondo liste decise dai segretari di partito e anche la selezione post-elettorale è un’azione concertata all’interno delle sezioni partitiche. Assicurato “il posto” ai pezzi grossi del partito, si procede a scegliere dove questi debbano rifiutare in favore di altri che non sarebbero rientrati tra gli eletti se i capilista non si fossero candidati ovunque. Il procedimento a percolato (parola familiare agli italiani grazie alla copertura mediatica del disastro dei rifiuti campani – credo che come metafora sia anche pertinente) ha impedito agli italiani per ben due volte di avere un senso forte di controllo sulle proprie scelte.

Ma la ragione che mi ha portato a smettere di temperare la matita e di collezionare timbri elettorali sul mio personalissimo album è di principio. L’eccitazione giovanile è andata perduta, i partiti che ho appoggiato non sono mai riusciti a ottenere seggi (né al Parlamento italiano, né a quello europeo, né a quello siciliano). Ho “sprecato il mio voto” – come avrebbe detto Veltroni nel 2008. L’unica volta che il mio voto ha avuto successo, ho dovuto scrivere il mio cognome a lettere maiuscole per far sì che mio padre fosse eletto al Consiglio comunale. Dopo aver perso la sua prima elezione del nuovo millennio per uno scherzo anagrafico (avevo 17 anni e 348 giorni), non potevo mancare alla seconda. Ma da allora ho maturato una forte apprensione verso i sistemi elettorali, le loro distorsioni e i loro effetti politici. E infine ho compreso che il cambiamento che tanto auspico non può essere ottenuto attraverso le riforme socialdemocratiche.

Come descritto in precedenza, il PD non rappresenta una forza socialdemocratica e quindi non dovrebbe essere un problema per me. Invece lo è a livello nazionale perché “ruba la scena” e non permette la formazione contrapposta di un partito socialdemocratico da una parte e di uno conservator-popolare dall’altro, fingendo di incarnarli entrambi.

A livello siciliano, invece, le cose vanno peggio. Il PD ha stra-perso le ultime elezioni regionali, dove l’on. Anna Finocchiaro ha fatto peggio contro Lombardo rispetto alla grande prestazione della Borsellino contro la macchina del vasa-vasa Totò Cuffaro, ora al fresco. La Finocchiaro e tutto il suo partito sono stati ridicolizzati dal mero ricordo del tentativo di Rita di emancipare la Sicilia dal suo stato di minorità feudal-mafioso. Ebbene, ricaduti in questo stato di meschinità, con un governo regionale criminale, il PD ha deciso di non sfruttare l’onda che disgregò il centrodestra, con la secessione del PdL dal Movimento per l’Autonomia (MpA) prima, e con lo smembramento del PdL dopo. Invece, in combutta col potere, ha aderito al progetto Lombardo assicurandogli la maggioranza all’Assemblea Regionale (Ars) in cambio di due assessori “tecnici”, che in realtà sono quadri di partito. Alcuni di essi mirano inoltre a guidare il partito alle prossime elezioni comunali di Palermo, in preparazione per le prossime regionali.

Negli anni 90, il vocabolario della lingua italiana si è arricchito della parola inciucio. In questo caso ritengo adeguato che si parli nuovamente di inciucio. Questo è un esempio di “accordo sottobanco, un compromesso riservato tra fazioni formalmente avversarie, ma che in realtà attuano, anche con mezzi ed intenti poco leciti, una logica di spartizione del potere”. E l’inciucio, noi di sinistra ce lo aspettavamo dagli altri, forse non in Sicilia, ma in Italia sì. Ma non si è mossa una critica dai coordinatori nazionali del PD verso gli strani comportamenti dei colleghi siciliani. Neanche da quelli che prima della caduta del muro erano i difensori delle masse, i rappresentanti del quarto stato e i sostenitori dell’uguaglianza sociale e dell’integrità politica.

La grande verità è che i tempi di Gramsci e Togliatti sono finiti. Il riformismo di Napolitano e Macaluso è lontano quanto i loro discorsi alle fumose assemblee di sezione. Il comunismo italiano si è adagiato nel mondo ovattato della conservazione fin dalla fine degli anni 60. Impossibile cambiare? Allora adeguiamoci! Questo motto ha rovinato la vis rivoluzionaria e ha sopito i sogni di evoluzione sociale. In parallelo ai partiti – pure il PSI ha colpe imperdonabili -, anche i sindacati si sono arroccati nella loro posizione di stampatori di tessere e difensori dello status quo. E purtroppo non è rimasto nessuno a rappresentare i giovani, i disoccupati, i nuovi poveri e tutte le vittime dell’ineguale sistema capitalista. Ci si stupisce poco quando gli indignati si lanciano “contro la politica” – anziché contro i partiti – e i Forconi agiscono, ricordando le camicie nere, per rivalsa contro il potere che hanno contribuito a installare. La Sicilia, in questo momento mi preoccupa.

Mi preoccupo della verità effettuale del sistema politico perché credo che solo grazie all’analisi accurata dei “colli di bottiglia” (da cui il nome del blog), i nodi fondamentali, si possa riuscire a comprendere che alcune falle intaccano la struttura fondamentale del principio di rappresentanza democratica e lo affondano. Queste sono falle sistemiche che non possono essere curate da qualche pezzo di legno o da una toppa di plastica. È necessario – e possibile – cambiare completamente la coscienza di coloro che si sentono “cittadini” di uno “Stato che non li rappresenta”. Bisogna aprire gli occhi e gridare con forza quando si vedono le incongruenze di un sistema politico autoreferenziale che si finanzia con soldi pubblici e privati e fa solo gli interessi privati di coloro che vanno a ricoprire incarichi pubblici (dibattito corrente). Bisogna sconfessare chi tradisce gli ideali che pubblicizza sui suoi manifesti. Bisogna educare alla democrazia con nuove e illuminate idee, che non si concretizzino necessariamente alla luce fioca di una cabina elettorale o del salotto da dibattito televisivo.