bottleneck analysis

Fresh insights about energy, politics, travels, sports, music…

Category Archives: Uncategorized

Back to school

2016-09-20-11-26-03

Edinburgh, UK

After three years of incredible personal, professional, and business growth, I take my leave from The Conway Bulletin to undertake a doctoral degree at the University of Glasgow.

When I started at the Bulletin as a Kazakhstan correspondent, the newspaper had only 3 pages. Back then, everyone was excited about the start of the Kashagan offshore oilfield, which would have soon disappointed hopefuls when its pipes broke. Interestingly, Kashagan just re-started a few days ago. But now the Bulletin counts hundreds of subscribers, not just dozens, runs 12 pages packed with news every week and has a fully-working archive with over 7,000 news items from the past six years.

Now, after writing well over 2,500 news stories and around 200 news wires, covering  elections around Central Asia and the South Caucasus, and doing an immense amount of daily research, it’s time for me to move on to my next challenge, back into academia.

At Glasgow, I’ll fold back into my research of Kazakhstan’s energy sector, with a particular eye this time to its social impact. This means that I will travel more to Central Asia, attend more academic conferences, and write more for a diverse range of outlets.

For a brief period, I will continue to work part-time at the Bulletin, hoping that my replacement can be found soon. And I will stay on in Edinburgh until there’s a good reason to move.

After almost two years, the blog is back. Or is it?

Racism and confusion

Queens, New York

A poor count by both the police and The New York Times greatly underestimated the “Millions March” that took place in New York on Saturday. At least 50k turned up, although participants who hung around, clapped from the sides, and came out of their houses at night in Brooklyn made even that figure seem too low.

I was there with friends, joining chants and carrying signs. It was almost too peaceful, with the crowd respecting the lame opening up of the streets, one block at a time, as if the protest was less important than Christmas shopping. But the tranquil action was accompanied by the enraged voices of those in the crowd, who didn’t always find catchy ways to express their anger. It wasn’t a poetry contest, it wasn’t a stadium.

image

All came out well and one must expect follow up actions soon, but this is just the backdrop of my reflection here. On the other side of the country, a place that I can claim to know well, something interesting was happening.

In the middle of the UC Berkeley campus, someone hung and displayed effigies of lynched black victims from decades ago with the hashtag #ICantBreathe. At first, passersby were shocked, especially black students, who felt mocked by a disgusting joke. Uninformed observers shouted: “Racism hits one of the liberal capitals of the country!!” as if racism respects zip codes. Others took care of tearing down the effigies and started enquiring about the possible perpetrators.

An art collective came out (without naming names in their flier) and said the action was an artistic, albeit possibly offensive, attempt to link the past and the present, making sure to underline that racism is as systemic now, as it was then.

The identification of the collective as “queer black and POC artists” did not stop critics. “Black and POC have different histories, they can’t claim to have a common history with the slavery era” is the summary of the common reply on twitter. Defining and detailing the identity of those who dared show this “art installation” on academic soil became the pet peeve of observers behind virtual keyboards. They started classifying, cataloguing, and assigning rights of speech. If you’re such-and-such you can say this, otherwise it’s wrong.

I see racism as a political threat, a choice. You’re not born racist, society makes you one (or not, that’s why it’s a choice). Politically it should be countered and called out every time. I agree with the art collective, racism is systemic and knitting past and present together only helps understand the causality and origin of some actions that can be thought of as isolated.

If an art collective of diverse racial background cannot use powerful, borderline-offensive imagery to portray what racism has done and is doing to America, then I shouldn’t have gone to the March. I’m white, why should I hold up a sign that says “Black Lives Matter”? That should be as illogical as a Latino artist hanging up portraits of lynched victims, in the critics’ eye.

Instead, this is ours, of all the people that take a stand. It’s about your political choice, not about your family tree.

Long live Berkeley, where artists are misunderstood and politics are confused.

Socialism and the crisis in Ukraine

There are sOCIALISTS and Socialists. The former’s take on Ukraine and the Eurasian Union is dangerous to the latter. This needed clarification.

Vostok Cable

Paolo Sorbello explains why the Eurasian Union’s fellow travellers will never see the ultimate triumph of their post-capitalist ideal.

Russian Air Force Star. Image by Mboro. Russian Air Force Star.
Image by Mboro.

Samir Amin, a renowned Marxist author and the director of the Third World Forum in Dakar, Senegal, wrote a short piece for Monthly Review in March, suggesting that the “people” – i.e. the socialist public that reads his leaflet – support “the policy of Russia as developed by the administration of Putin to resist the project of colonization of Ukraine”. His arguments, in the short and bullet-pointed piece, are scattered and typical of a confused leftist who tries to justify some aspects of the past, make parallels with the present, and spite all that is not socialist; although, all the great figures that the contemporary intellectuals cite from the past, did not go back in time themselves to find their raison d’être. Times have…

View original post 684 more words

Ballottaggio 2013 – Giarre (CT)

Tallinn, Estonia 

Per la serie “nulla è mai come sembra”, ecco i cataclismi che hanno sconvolto il panorama politico giarrese poco prima del ballottaggio per l’elezione del sindaco. Le previsioni “elettorali” che fanno leva sulla conoscenza dei sistemi di traduzione di voti in seggi, i metodi di assegnazione e di calcolo delle forze partitiche sono, ancora una volta, poco utili alla comprensione degli schieramenti finali in questa infinita campagna elettorale.

Veniamo ai fatti. Dopo una disastrosa tornata elettorale, nella quale la coalizione ha guadagnato soltanto 350 voti rispetto alle amministrative del 2008, ritornando ai seppur magri livelli del 2003 sopra i 2.500 voti, il centro sinistra si sfalda. Nelle due passate tornate elettorali, infatti, la coalizione del centro sinistra aveva espresso il secondo candidato più forte. Questa volta, invece, la coincidenza tra disastro dei partiti e liste civiche, disastro del candidato sindaco e  sistema elettorale è stata fatale a livello politico per il centro sinistra.

Lo sbarramento al 5%, infatti, avrebbe dovuto servire da segnale agli ingegneri elettorali che si occupavano di stilare le liste prima della campagna elettorale. A Giarre, la forza della destra e delle clientele è nota, quindi un centro sinistra che mirasse a vincere  avrebbe dovuto tener conto di ogni particolare. Invece, ci si trincerò dietro i simboli dei partiti, dietro personalità più o meno popolari e forse anche dietro il mal celato desiderio di “sconfitta programmata“.

Dopo la sconfitta, infatti, è sembrato che l’unico obiettivo del Partito Democratico fosse quello di ottenere più seggi possibile, cosa che li ha portati ad appoggiare la coalizione di Salvo Andò. Una inversione di marcia del tutto inaspettata, spinta dalla CGIL di Giarre, dal PD catanese e nientemeno che da Crocetta (il cui simbolo è arrivato penultimo al primo turno). La sorpresa degli alleati della coalizione è stata accompagnata da un’altra strabiliante novità. Il candidato sindaco del centro sinistra si è alleato con l’altro contendente al ballottaggio, Roberto Bonaccorsi. Con la proposta di una vice-sindacatura, Salvo Patanè ha deciso di appoggiare il progetto del suo avversario più distante durante la campagna elettorale. “If you can’t beat them, join them” cantavano i Queen alla fine degli anni settanta.

Cosa significa tutto ciò in termini elettorali? In caso di vittoria di Bonaccorsi, come già detto, i 12 seggi saranno ripartiti tra PdL (6) e le liste civiche collegate (2 ciascuna). I rimanenti 8 andranno alle liste collegate ad Andò (6, incluso uno per il PD) e due andranno a Città Viva di D’Anna. Il PD non guadagnerebbe alcun seggio dall’apparentamento, in questo caso. Se Andò riuscisse a battere Bonaccorsi, il quadro cambierebbe sostanzialmente: Bonaccorsi rimarrebbe con 6 seggi (3 al PdL e uno ciascuno agli altri) e Città Viva otterrebbe i soliti 2. Dall’altra parte, le liste collegate ad Andò al primo turno otterrebbero 9 seggi, in compagnia del PD, che ne otterrebbe 3, diventando la chiave di volta della maggioranza del Consiglio Comunale.

È importante notare che la forza politica più sorprendente delle elezioni del 2013, Città Viva, non si è “apparentata”, seppur si sia schierata timidamente con Bonaccorsi. Questo, in termini elettorali, significa che i consiglieri eletti tra le sue fila saranno due in entrambi i casi e che l’obiettivo sarà utilizzare il Consiglio quale luogo dove esprimere le proprie preferenze caso per caso.

In termini politici, quindi, con l’uscita di scena del PD quale opposizione programmatica alla prossima amministrazione comunale (specialmente in caso di vittoria di Andò), ecco che si prefigura una lotta alle clientele che riecheggia le scorse amministrazioni, stavolta senza una vera anche se minima opposizione in Consiglio. D’altra parte, la mossa di Patanè testimonia quanto sbagliata fu la scelta di imporlo come candidato di un centro sinistra di cui egli non è espressione. La prospettiva di un governo Andò-PD mi spaventa più di quanto mi intrighi. Al contrario, la sconfitta di questa alleanza scomoda sarebbe un segnale gravissimo per il Partito Democratico e segnerebbe il totale fallimento del centro sinistra a Giarre.

Una nota finale sulle preferenze di genere: i due seggi di Città Viva saranno ricoperti da due donne, 1 donna sarà eletta tra le fila dei bonaccorsiani (comunque vada), Tania Spitaleri sarà da sola per il PD in caso di sconfitta di Andò, oppure accompagnata da un’altra democratica. Solo con la vittoria, le liste di Andò eleggeranno donne (3), che saranno assenti in caso di sconfitta. In Consiglio ci saranno 4 donne (in caso di vittoria Bonaccorsi) oppure ben 8, in contrasto con il passato Consiglio che ne ospitava solo due (per altro riconfermate). Un miglioramento in termini di pari opportunità, anche se questo non sembra il principale problema per la città di Giarre.

2012 in review

The WordPress.com stats helper monkeys prepared a 2012 annual report for this blog.

Here’s an excerpt:

The new Boeing 787 Dreamliner can carry about 250 passengers. This blog was viewed about 1,700 times in 2012. If it were a Dreamliner, it would take about 7 trips to carry that many people.

Click here to see the complete report.

my blog will go through a brief pause… meanwhile, read this!

Dear Kitty. Some blog

From The Atlantic in the USA:

Japan in Uproar Over Censorship of Emperor’s Anti-Nuclear Speech

Mar 26 2012, 8:46 AM ET

Why did Japanese TV channels cut Emperor Akihito‘s address on the one-year anniversary of the Fukushima crisis?

There is a particularly sensitive accusation reverberating through online discussion boards and social media in Japan: that Emperor Akihito’s speech on the one year anniversary of the earthquake and tsunami was censored on TV for his comments about the nuclear disaster at Fukushima.

The 78-year-old Emperor Akihito had insisted on attending the memorial service, though he had been released from the hospital for heart bypass surgery less than a week earlier. While the emperor is technically just a figurehead, he is still deeply revered here. Many Japanese see him a source of guidance in times of political difficulty, which have been many in the last 20 years. His speech…

View original post 1,050 more words

the *most* racist era

The Crunk Feminist Collective

Another Black kid is dead.

This time it’s 17 year old Trayvon Martin.

His life snuffed out at the hands of an overzealous, trigger happy white neighborhood watch commander named George Zimmerman, who thought Trayvon looked “suspicious” as he walked back to his father’s home in a suburban Florida neighborhood with a pack of skittles and an iced tea for his little brother. Trayvon was unarmed; Zimmerman was packing a semiautomatic weapon.

How do we make sense of the senseless?

From the facts alone, it is clear that Zimmerman presented the real threat. But it has now been two and a half weeks since the shooting, and Sanford Police Department has declined to charge Zimmerman with a crime. Law enforcement officials claim they have no evidence to dispute Zimmerman’s claim that he acted in self-defense.

Apparently an unarmed, dead Black teen is not evidence enough.  If this were 1912 and…

View original post 1,806 more words

Al Capolinea – Seconda Parte

Ragusa-Giarre, Italia

Ho recentemente perso l’abitudine e l’interesse per l’esercizio del mio diritto-dovere di voto. Uno dei motivi è che spesso mi trovo temporaneamente all’estero e il nostro Paese non rende agevole l’esercizio di voto al di fuori del proprio comune di residenza. Infatti, anche durante la mia esperienza domiciliare in Romagna mi sentivo all’estero, dato che per votare avrei dovuto stare in treno per 36 ore in 3 giorni e vedermi rimborsato solo la metà del biglietto. Un altro motivo è la reale corrispondenza tra la meccanica azione di mano e matita e l’effetto sperato. Specialmente le elezioni nazionali funzionano in maniera poco influenzabile dal voto, dato che le liste sono ordinate secondo liste decise dai segretari di partito e anche la selezione post-elettorale è un’azione concertata all’interno delle sezioni partitiche. Assicurato “il posto” ai pezzi grossi del partito, si procede a scegliere dove questi debbano rifiutare in favore di altri che non sarebbero rientrati tra gli eletti se i capilista non si fossero candidati ovunque. Il procedimento a percolato (parola familiare agli italiani grazie alla copertura mediatica del disastro dei rifiuti campani – credo che come metafora sia anche pertinente) ha impedito agli italiani per ben due volte di avere un senso forte di controllo sulle proprie scelte.

Ma la ragione che mi ha portato a smettere di temperare la matita e di collezionare timbri elettorali sul mio personalissimo album è di principio. L’eccitazione giovanile è andata perduta, i partiti che ho appoggiato non sono mai riusciti a ottenere seggi (né al Parlamento italiano, né a quello europeo, né a quello siciliano). Ho “sprecato il mio voto” – come avrebbe detto Veltroni nel 2008. L’unica volta che il mio voto ha avuto successo, ho dovuto scrivere il mio cognome a lettere maiuscole per far sì che mio padre fosse eletto al Consiglio comunale. Dopo aver perso la sua prima elezione del nuovo millennio per uno scherzo anagrafico (avevo 17 anni e 348 giorni), non potevo mancare alla seconda. Ma da allora ho maturato una forte apprensione verso i sistemi elettorali, le loro distorsioni e i loro effetti politici. E infine ho compreso che il cambiamento che tanto auspico non può essere ottenuto attraverso le riforme socialdemocratiche.

Come descritto in precedenza, il PD non rappresenta una forza socialdemocratica e quindi non dovrebbe essere un problema per me. Invece lo è a livello nazionale perché “ruba la scena” e non permette la formazione contrapposta di un partito socialdemocratico da una parte e di uno conservator-popolare dall’altro, fingendo di incarnarli entrambi.

A livello siciliano, invece, le cose vanno peggio. Il PD ha stra-perso le ultime elezioni regionali, dove l’on. Anna Finocchiaro ha fatto peggio contro Lombardo rispetto alla grande prestazione della Borsellino contro la macchina del vasa-vasa Totò Cuffaro, ora al fresco. La Finocchiaro e tutto il suo partito sono stati ridicolizzati dal mero ricordo del tentativo di Rita di emancipare la Sicilia dal suo stato di minorità feudal-mafioso. Ebbene, ricaduti in questo stato di meschinità, con un governo regionale criminale, il PD ha deciso di non sfruttare l’onda che disgregò il centrodestra, con la secessione del PdL dal Movimento per l’Autonomia (MpA) prima, e con lo smembramento del PdL dopo. Invece, in combutta col potere, ha aderito al progetto Lombardo assicurandogli la maggioranza all’Assemblea Regionale (Ars) in cambio di due assessori “tecnici”, che in realtà sono quadri di partito. Alcuni di essi mirano inoltre a guidare il partito alle prossime elezioni comunali di Palermo, in preparazione per le prossime regionali.

Negli anni 90, il vocabolario della lingua italiana si è arricchito della parola inciucio. In questo caso ritengo adeguato che si parli nuovamente di inciucio. Questo è un esempio di “accordo sottobanco, un compromesso riservato tra fazioni formalmente avversarie, ma che in realtà attuano, anche con mezzi ed intenti poco leciti, una logica di spartizione del potere”. E l’inciucio, noi di sinistra ce lo aspettavamo dagli altri, forse non in Sicilia, ma in Italia sì. Ma non si è mossa una critica dai coordinatori nazionali del PD verso gli strani comportamenti dei colleghi siciliani. Neanche da quelli che prima della caduta del muro erano i difensori delle masse, i rappresentanti del quarto stato e i sostenitori dell’uguaglianza sociale e dell’integrità politica.

La grande verità è che i tempi di Gramsci e Togliatti sono finiti. Il riformismo di Napolitano e Macaluso è lontano quanto i loro discorsi alle fumose assemblee di sezione. Il comunismo italiano si è adagiato nel mondo ovattato della conservazione fin dalla fine degli anni 60. Impossibile cambiare? Allora adeguiamoci! Questo motto ha rovinato la vis rivoluzionaria e ha sopito i sogni di evoluzione sociale. In parallelo ai partiti – pure il PSI ha colpe imperdonabili -, anche i sindacati si sono arroccati nella loro posizione di stampatori di tessere e difensori dello status quo. E purtroppo non è rimasto nessuno a rappresentare i giovani, i disoccupati, i nuovi poveri e tutte le vittime dell’ineguale sistema capitalista. Ci si stupisce poco quando gli indignati si lanciano “contro la politica” – anziché contro i partiti – e i Forconi agiscono, ricordando le camicie nere, per rivalsa contro il potere che hanno contribuito a installare. La Sicilia, in questo momento mi preoccupa.

Mi preoccupo della verità effettuale del sistema politico perché credo che solo grazie all’analisi accurata dei “colli di bottiglia” (da cui il nome del blog), i nodi fondamentali, si possa riuscire a comprendere che alcune falle intaccano la struttura fondamentale del principio di rappresentanza democratica e lo affondano. Queste sono falle sistemiche che non possono essere curate da qualche pezzo di legno o da una toppa di plastica. È necessario – e possibile – cambiare completamente la coscienza di coloro che si sentono “cittadini” di uno “Stato che non li rappresenta”. Bisogna aprire gli occhi e gridare con forza quando si vedono le incongruenze di un sistema politico autoreferenziale che si finanzia con soldi pubblici e privati e fa solo gli interessi privati di coloro che vanno a ricoprire incarichi pubblici (dibattito corrente). Bisogna sconfessare chi tradisce gli ideali che pubblicizza sui suoi manifesti. Bisogna educare alla democrazia con nuove e illuminate idee, che non si concretizzino necessariamente alla luce fioca di una cabina elettorale o del salotto da dibattito televisivo.

Al Capolinea – Prima Parte

Oakland, California

Al Capolinea - Emanuele Macaluso (2007)

Nell’agosto del 2007, al caldo del sole ragusano, stringevo tra le mani il libello di Emanuele Macaluso, politico troppo anziano e navigato per avere i peli sulla lingua. Freschissimo di stampa, mio padre lo aveva appena comprato, ma io gli tolsi subito il piacere di sfogliarlo. Ero molto curioso di leggere un’analisi di ciò che stava accadendo in Italia. Ero infatti appena tornato dall’Andalusia, dove avevo studiato per un anno, e avrei dovuto utilizzare il mio tempo per finire di scrivere la tesi, piuttosto che stare seduto su una sdraio a sogghignare di seguito alle frecciate del vecchio comunista.

Ma è così che va la vita. Alla fine, la tesi l’ho finita e mi è pure piaciuta. Ma quella pausa mi servì per comprendere quali perverse dinamiche stavano coinvolgendo i principali partiti italiani. A due mesi dalle primarie per scegliere il segretario nazionale del nuovo Partito Democratico, Macaluso scriveva che il PD era nato “al capolinea”. Fermo, senza una meta, senza impulsi al motore. La “fusione a freddo” di Margherita e Democratici di Sinistra, secondo chi aveva militato nel PCI mantenendo un’integrità personale e politica formidabile, non avrebbe funzionato.

Nel 2005, Salvatore Vassallo mi spiegò dalla sua cattedra i concetti fondamentali dello studio della politica. Dove finiscono i discorsi da bar e dove comincia la “Scienza”. A metà percorso, mi fermavo spesso a parlare con il professore durante le pause e all’esame scherzammo pure sul porcellum appena introdotto. Al mio ritorno in facoltà, stavolta all’inseguimento della Specialistica, Vassallo avrebbe approfondito, proprio in quell’autunno del 2007, quali sono i meccanismi che guidano il voto e la scelta politica e partitica. Lì mi innamorai di una “scienza di cartone”, le conseguenze dei sistemi elettorali. Da sempre mi incuriosiva comprendere come questi siano stati utilizzati come armi politiche dalle maggioranze parlamentari, per poi spesso non essere in grado di tradurre in pratica l’ingegneria elettorale abbozzata con alcuni modelli. Avrei chiesto a Salvatore Vassallo di diventare mio relatore e mi sarei tuffato in interessanti calcoli, se alcune coincidenze non mi avessero portato ad interessarmi del mondo post-sovietico nel semestre successivo. Alla fine, però, è stato un incastro fortunato, visto che nella primavera del 2008, alle elezioni parlamentari, Vassallo fu eletto tra le liste compilate dal PD, mentre ero ancora in cerca di un relatore.

Il mio mentore per l’analisi dei processi politici era andato a Roma. Io speravo che riuscisse a fare un po’ di pulizia tra i banchi parlamentari e nei congressi di partito. Purtroppo lo spirito di conservazione ha prevalso. Prima di Margherita e DS infatti, c’erano la DC e il PCI, due capisaldi della conservazione, due chiese che rispondevano a due dèi diversi. Il loro scopo principale durante la guerra fredda è stato di occupare il governo (l’una) e di non occupare il governo (l’altro). Così, dopo la caduta del muro e la diaspora comunista, invece di fare il salto verso il riformismo, rossi e bianchi hanno indossato gli abiti buoni e sono andati a cena. Mentre erano fuori, come nel famoso detto, il Topo di Arcore si mise a ballare. Lo sconquasso che procurò al sistema politico era totale nel 2007, tanto grave che bianchi e rossi decisero di fondere i propri ranghi e creare una forza che potesse, in virtù dell’esperienza del governo Prodi, caratterizzarsi come il nuovo grande partito delle masse immobili, una “balena rosa”.

Senza considerare la scelta infelice di creare un partito durante un governo a maggioranza risicata, minando la base parlamentare e creando un soggetto politico amorfo e senza legittimazione, il PD rappresentò la virata della politica verso il marketing elettorale. Invece di trovare il coraggio di scannare il porcellum ed evitare il macello della scelta popolare, il PD formava un conglomerato centrista che sperava di raccogliere i voti di DS+Margherita+altri moderati in quanto l’utilità di votare per un unico partito (o un cartello già coalizzato) era, secondo il segretario Veltroni, più alta rispetto al voto per una coalizione. Stravolgendo de facto molti dettami costituzionali e legali, la politica metteva il sistema elettorale al servizio dei suoi interessi, compilando furbamente le liste e scrivendo il nome del candidato premier sui simboli, nonostante tale compito non sia delegato al popolo, ma al Presidente della Repubblica. E intanto, Prodi doveva tenere insieme i “poltroni” dell’Udeur e i “massimalisti” con falce e martello, mentre faceva l’ospite di pietra nel PD.

Così Prodi cade, si va alle elezioni e il PD perde malamente le elezioni facendo registrare meno voti rispetto alle precedenti tornate. Come risultò da una chiacchiera con il professor Vassallo, era proprio improbabile che il PD riuscisse a mantenere entrambe le basi elettorali. Soprattutto se diceva di voler “correre da solo” mentre si fidanzava con il qualunquismo dell’Italia dei Valori e nonostante la chiamata al “voto utile” abbia avuto una presa decisiva sui confusi ex-elettori di DC e PCI. Durante l’ultima legislatura, il PD ha cambiato due segretari (Veltroni dimessosi dopo le elezioni e Franceschini, che nessuno si ricorda più grazie al suo carisma e alle sue decisive prese di posizione), ha perso ulteriori consensi ed elezioni e ha dimostrato che anche la leadership può frantumarsi così come era stata artificialmente creata (Rutelli e l’Api, l’esodo DS verso SEL e PSI).

Questa breve storia del PD non comprende tutte le vicissitudini più comiche, le campagne sbagliate di Bersani smanicato, gli autogol parlamentari della Binetti e del suo cilicio, la timidezza durante le crisi di governo a partire dall’estate 2010, fino al tardivo salto sul carro dei vincitori referendari lo scorso giugno e il caloroso benvenuto al prof. Monti, che sta mettendo in ginocchio il Paese intero, compresi i radikal-chic (con la kappa) che salutavano con piacere la fine dell’era del sorriso forzato. Questa breve storia prepara il campo al prossimo intervento, che parlerà del ruolo del PD in Sicilia. Senza sconti.

p.s.: il prossimo intervento arriverà tra circa una settimana, dato che attraverserò l’Atlantico verso casa, passando per Londra.

Ice, None

Oakland, California

I moved to what I call “The Red Cube” – or sometimes Qaaba – a few weeks ago. The East Bay is sunny and original, as always. I usually glance through a big window that overlooks a highway, which accompanies my lonesome, and sometimes hardly interesting, days. While I was supposed to do other things, The Underachiever in me pushed forward a fiction book through the hands of my sweet lady. It was hard to get back to read words that didn’t have to be grounded in substantial research. Kurt Vonnegut is nonetheless an enjoyable companion. I held my breath and read the crazy story of The Cat’s Cradle of which I will give away nothing but a pinch of “Bokononism” and a piece of the thoughts that it aroused in me.

Let’s go to Chapter 18. Dr Hoenikker’s aide, Dr Breed, is having a conversation with the protagonist about science. The latter, also the narrator, goes:

Every question I asked implied that the creators of the atomic bomb had been criminal accessories to murder most foul. Dr. Breed was astonished, and then he got very sore. He drew back from me and he grumbled, “I gather you don’t like scientists very much.”

“I wouldn’t say that, sir.”

“All your questions seem aimed at getting me to admit that scientists are heartless, conscienceless, narrow boobies, indifferent to the fate of the rest of the human race, or maybe not really members of the human race at all.”

“That’s putting it pretty strong.”

[…]

“I’m sick of people misunderstanding what a scientist is, what a scientist does.”

“I’ll do my best to clear up the misunderstanding.”

“In this country most people don’t even understand what pure research is.”

“I’d appreciate it if you’d tell me what it is.”

“It isn’t looking for a better cigarette filter or a softer  face tissue or a longer-lasting house paint, God help us.
Everybody talks about research and practically nobody in this country’s doing it. We’re one of the few companies that actually hires men to do pure research. When most other companies brag about their research, they’re talking about industrial hack technicians who wear white coats, work out of cookbooks, and dream up an improved windshield wiper for next year’s Oldsmobile.”

“But here . . . ?”

Here, and shockingly few other places in this country, men are paid to increase knowledge, to work toward no end but that.

“That’s very generous of General Forge and Foundry Company.”

“Nothing generous about it. New knowledge is the most valuable commodity on earth. The more truth we have to work with, the richer we become.”

I hope the late Kurt is not disappointed at the quote – which, by the way, I took from the internet – that boosted my interest in the book and signalled the difference between fiction and nonfiction, as I slowly became accustomed at the new environment of pages written out of fantasy and creativity. I found out in the next chapters that Dr Breed is one among the book’s assholes, or, better said, one of the structural characters in Vonnegut’s effort to humanize and de-humanize the least acceptable fallacies in humankind. You will find in the book how everybody behaves in manners that make the reader twitch. This could be the reason why the book has not yet become a movie, although modern technologies and DiCaprio’s production company might do the trick as we approach the novel’s 50th birthday.

I tend to digress. Dr Breed has a very strong, though fictional, point. In a “scientific” world, we are part of an ecosystem that can collapse any minute (in astral times). Why should we bother getting health insurance, buying the newest iPod, or making somebody fall in love and claiming this person as an owned object? Our life is something very stupid, seen with the eyes of science. Sure, it’s beautiful to see how the world came into existence and still goes around. Still, there is no purpose in doing that. Knowledge, just like working, is a way to escape the ineluctability of the end of life. It’s the constant endeavor of humans to fill the gap between birth and death, with activities other than animalesque “eat, sleep, and reproduce”.

I think knowledge is a good way to go. Original and entertaining, research reaches two goals, that of satisfying human curiosity for a planet that we haven’t managed to understand yet (and for human behavior, of course) and that of occupying human’s free, lucid, and rational time.

This is the only reason I want to pursue a graduate career. I find little need to be selfish or altruistic. I just want to entertain myself with research per se. What’s wrong with it? Why can’t I put this as my statement of purpose in my applications?