bottleneck analysis

Fresh insights about energy, politics, travels, sports, music…

(Non) va bene

Almaty, Kazakhstan 

Tra mille nuove idee, un freschissimo e IMPORTANTISSIMO progetto (energybrains.org), ogni tanto è bene cercare su Google il proprio nome. Anche se si fa quasi a tempo perso. La “presenza online” è importante per chi si occupa di giornalismo e ricerca accademica, ma anche per chi volesse capire quanto della sua vita sia stato condiviso sulla grande rete.

E fu così che trovai un paio di citazioni dei miei lavori. Un articolo di un collega dell’Università tedesca di Siegen, Michael Sander, che ha pubblicato un ottimo articolo sulla pregevolissima rivista Energy Policy, un faro nella ricerca accademica per quanto riguarda l’energia. L’articolo citato è quello scritto a quattro mani con Elvira Oliva, che tra l’altro è anche una colonna portante del progetto Energy Brains di cui sopra.

Un’altra citazione è nella recensione della letteratura della tesi di Master di un giovane ricercatore norvegese. La citazione riguarda il mio libro sul ruolo dell’energia nella politica estera russa nei confronti del Kazakistan. Leggere come gli altri interpretano la tua analisi fa molto piacere (soprattutto quando il messaggio che hai provato a inviare è arrivato a destinazione). [Anche se l’ammontare di bibliografia e analisi copiata e incollata mi fa dubitare del sistema accademico norvegese]

Fin qui tutto (molto) bene. Poi incappi in infocusnewsanalysis (un’accozzaglia di parole-chiave tutte nel titolo!), che in un’analisi sulla situazione in Ucraina del dicembre scorso riporta, quasi per intero un mio articolo scritto per AGIenergia. Senza inserire né il nome della fonte, né un link di riferimento. Non va bene. Ringrazio per le belle parole, ma così muoiono sia il giornalismo, sia l’etica di chi scrive.

Lavorare con un settimanale britannico (The Conway Bulletin) mi sta insegnando che lavorare gratis non è un vanto, una buona azione che serve a farsi conoscere. È un danno prima di tutto ai colleghi che di giornalismo ci vivono (a fatica) e innesca meccanismi tali per cui si può copiare e incollare, senza sentire il bisogno di citare in maniera appropriata.

Bottom line: andatevi a cercare su Google, ci saranno probabilmente belle sorprese, ma quasi sicuramente qualcosa che non vorreste vedere.

Advertisements

Stampa estera, Foreign press, зарубежная пресса

Almaty, Kazakhstan 

This is a trilingual post, perché non mi capiscono когда по-итальянский говорю.

Dieci giorni fa, un blog kazako ha ripreso un mio articolo apparso su “L’Indro” sull’Affaire Ablyazov.Fin qui, ero contento.

Poi ho scoperto, che per un problema di interpretazione dei pronomi utilizzati, il curatore dell’articolo aveva fondamentalmente travisato il messaggio che avevo scritto.

Avrei detto che un giovane imprenditore sarebbe diventato il prossimo presidente del Kazakistan. E lo sapevo solo io?

No, secondo il blog, la loro fallace interpretazione delle mie parole rifletterebbe un sentimento condiviso nella stampa estera.

Di nuovo, contento di essere letto con attenzione in Kazakistan, ma contrariato dall’incapacità di tradurre per bene (dall’italiano al russo).

Ho lasciato un commento sul post, ma solo dopo che più di 4.000 persone avevano visitato la pagina.

Ora capisco come si creano i cicloni di false notizie.

Andiamo avanti.

Ten days ago, a blog in Kazakhstan reported an article of mine on the Ablyazov Affaire, published on “L’Indro”.Up to this point, I was happy.

Then I discovered that, due to a problem with the interpretation of the pronouns I used, the person that blogged the piece fundamentally missed the point of my message.

I apparently said that a young entrepreneur would have become the next president of Kazakhstan. And was I the only one who knew?

Not according to their blog. In their opinion, the fallacious interpretation of my words reflects a feeling common in the whole foreign press.

Again, I’m happy that people in Kazakhstan read me, but I’m grumpy, for they are incapable of translating well (from Italian into Russian).

I wrote a comment on the post, but only after more that 4,000 people had visited the page.

Now I know how small mis-interpretations become hurricanes of false news.

Let’s go forward.

Десять дней назад, блог в Казахстане сообщил, мою статью на Аблязова Affaire, опубликованным на “L’Indro”.До этого момента, я был счастлив.

Тогда я узнал, что, из-за проблем интерпретации местоимений, которые я использовал,  блогер существенно ошибился мысль моего сообщения.

Я, видимо, сказал, что молодой предприниматель стал бы следующим президентом Казахстана. И был я единственный, кто знал?

Не по их блога. По их мнению, ошибочна интерпретация моих слов отражает общее мнение, которое можно увидеть на зарубежной прессе.

Опять же, я счастлив, что люди в Казахстане меня читают, но я я недоволен, потому, что они не смогли хорошо переводить (с итальянского на русский).

Я написал комментарий на блоге, но только после более 4000 человек посмотрили страницу.

Теперь я знаю, как маленькая плохая интерпретация становятся ураганы ложных новостей.

Давайте вперед пойдём.

Anti-anti

Giarre, Italy

I haven’t posted a thing in a while, mostly because of my crazy schedule for the last 45 days. Today it’s raining and I have to do several other things, so here I am posting a very French story. In other news, I have updated my list of publications in English and Italiano.

So, a French calcio-player that I never liked (Anelka) celebrates a goal with a gesture invented 4 years ago by an Anti-Zionist (and a little too far right) French comedian, which was quickly linked to anti-*semitic* behavior. French president (Social Democrat) bursts: “We must approve and support the government and the interior minister in the face of words or actions whose anti-Semitic character cannot be denied,” Hollande told journalists during a visit to Saudi Arabia.

In this instance, I find myself on the side of the player and the comedian. When I first read the news, the gesture was characterized as anti-semite on the title and anti-zionist in the body of the articles. Which goes to say how well educated journalists are nowadays. However, Jewish (and also Zionist) associations started shouting around that this behavior was inadmissible. The president did the same, from his very socialist political position and from his visit to the very democratic country of Saudi Arabia [I think I had an overdose of sarcasm here].

How can a self-declared revolutionary socialist stand by a far-right (so the papers say) comedian who invents a stupid gesture that looks like (with a bit of imagination) a reverse Nazi salute? Because if it’s an anti-zionist gesture, it is as another person said in a video: “You the Zionists who using the Holocaust to terrorize us and to prevent us from criticizing a neo nazi state that is the state of current Israel, this manipulation does not work anymore, that’s what it means”.

“But they do those gestures at Holocaust remembrance sites”, they say. Well, that might be offensive, but can also be a rupture with the self-censorship that refrains from saying that what was wrong then is wrong now. There cannot be a double-standard with the subject who, alas, created the first standard. The suppression of Arabs, the colonization of their land, and the increasingly uncompromising stance in international relations by the Israeli leadership clearly define who’s far-right and who’s against them.

Then again, this could be just a cover to justify Nazi behavior and anti-semitic hatred in Europe (would they accuse Israel of Nazi behavior, though? I’m not sure). But wasn’t it a (Communist) Frenchman who warned of the existential glitch in the personality of Jews that could turn them into involuntary anti-semites?

On Gazprom, the Kremlin and Foreign Policy Decision-Making in Russia

Almaty, Kazakhstan 

Today an article that I co-wrote with a colleague and friend of mine was published in the 25th volume of Irish Slavonic Studies (full issue in .pdf), the academic journal of the Irish Association for Russian, Central and East European Studies. In May 2012 I flew to Cork, Ireland to give a presentation of the preliminary findings of the paper Ludovico Grandi and I had written over the previous Christmas and Easter vacation (because that’s how researchers employ their free time). I am grateful to the wonderful and eclectic Irish Association, which gave us the possibility, even as young researchers, to publish on their journal, but most of all to participate in their annual conferences, that enriched my knowledge, extended my network, and helped me amend some fallacies from my work. For the 2012 edition in Cork I wrote a blog post and a report, I couldn’t do the same for this year’s conference in Dublin, which was equally outstanding.

It’s a rather descriptive piece, that lacks a deeper analysis of the meanders of Russian foreign policy and the influence that National Corporations have upon the decision-making processes, but a) the lack of space and time; and b) our overarching purpose prevented us from a more profound research. In reality, I had captured some of the technicalities of the influence of energy issues in Russian foreign policy already in 2011 with my thesis/book (which will soon be available free of charge). Moreover, our effort mainly aimed to poke academic research in the troubled grounds of complexity.

It has been far too easy for academics, as well as journalists and experts, to sweep everything under the carpet and apply a blanket judgement on “Russia” as an “energy superpower”. This raw point of departure fails to take into account the variety of actors and interests involved in the decision-making process that shapes foreign policy. With this paper we point out the dynamics between the Kremlin and the National Champions of Gazprom and Rosneft’.

Our main argument is that there are periods of concentration of interests, i.e. the interest of the two state-owned energy companies and that of their owner coincide, when Russian foreign policy is spelled with one voice, also using the much advertised “energy weapon”. However, and counter to a substantial branch of the literature, we observed that in periods of competing interests, decision-making in Russian foreign policy is contested by the various actors, as in the case with TNK-BP until the summer of 2012. Timing is important when you bring up an example: Russian actors have acted in concert since the confusion that led up to the heated summer of 2012 and now display a more cohesive stance towards the case that we analyzed. This fact, however, does not weaken much our argument, since we wished to depict precisely the periods of “concentration” and “competition” that influence the decision-making in Russian foreign policy.

So here we are. Clicking on the picture below, you can read the .pdf version of the article. And yes, the picture below shows you that the article before ours was written by Peter J. S. Duncan, one of the guiding stars in our research path.

iarcees25

gràcies per res, esplorazioni nell’Artico!

Almaty, Kazakhstan 

Come dicevo nello scorso post, tra le tante avventure che mi tengono impegnato oggi, c’è stata un’intervista con un magazine catalano sul presente e futuro dell’Artico. Il bravo giornalista Jaume Vinyas mi ha chiamato e mi ha fatto alcune, interessanti domande, per un articolo sul portale ExtraMurs.cat.

Ne è venuto fuori un articolo molto interessante e ben bilanciato, tra questioni economiche, energetiche e ambientali, con interviste condotte anche con i collaboratori di Greenpeace. Io ho fatto la “voce della Russia e delle multinazionali dell’energia”, perché va bene sperare, ma se “i capi” dicono sì, si va avanti.

“La Russia non ha la tecnologia sufficiente e per tanto ha bisogno di accordi con compagnie multinazionali” – le compagnie coinvolte “si assumeranno tutti i rischi necessari” – “L’Artico è molto importante per la Russia perché sulla terra ferma i giacimenti sono vecchi e in declino, e pertanto si esauriscono” – “La Russia è uno dei Paesi meno avanzati in termini di tecnologia per (il monitoraggio e la prevenzione dei) versamenti, “oil spills”, e dunque uno di quelli che inquina di più“.

Questi sono i virgolettati. In generale dico che con l’apertura di spiragli economici, questo assicurerà il lancio di nuovi progetti, che contribuiranno, in parallelo con le nuove rotte marine, al riscaldamento globale, eliminando progressivamente le barriere (di nuovo, economiche) che avevano impedito le esplorazioni nell’Artico in passato.

Un cane che si morde la coda, insomma. E poi muore, perché se andiamo avanti così, rompiamo l’unico frigorifero che abbiamo sulla Terra.

Alma-Аға

Almaty, Kazakhstan

It’s been 3 months since I moved to Kazakhstan and almost 4 months since my last post.
There are reasons for this. Shortly, I’ll list them below.

– I am successfully continuing my collaboration with the newspaper ‘L’Indro‘, where I publish two weekly columns on the post-Soviet region, covering mostly politics and economics, with a pinch of energy, of course. With the newspaper I also got to experience the “press pass” for the first time and talked to several fellow journalists at KIOGE in Almaty and KazEnergy Forum in Astana.

– I am also on the lookout for opportunities to publish stories in English again.

– I was interviewed twice. Once by ‘MilanoFinanza‘, the ‘Financial Times‘ of Italy. The long interview was on one of my favorite topics: the future of energy in Russia. It occupies the first 4 pages of a special issue of the weekly magazine that was distributed at the G20 in St. Petersburg in September. The last interview, was taken today, with a journalist from Barcelona working for the new information platform Extramurs, “planetary” news in Català. We discussed about the Arctic and the geopolitical challenges around it. I probably talked too much about energy, but I structured my answers around the vicious circle Global Warming – Northern Route – Oil&Gas Drilling – Global Warming… If we leave it to the Smithian invisible hand of market forces, we’ll pretty soon live an eternal summer.

– I enrolled in 6 graduate courses at KIMEP University. The most challenging of which, is Kazakh language, of course (look at the bad pun in the title, Alma-Ata, Alma-Mater…)

– I am in the process of finishing 2 academic publications. One is a comparison of the effects of EU accession in Bulgarian and Lithuanian nuclear energy policies (edited volume, published by Brill, The Netherlands). The other is a paper on my dissertation topic: bringing Gramscian concept to the study of energy and foreign policy in the case of Caspian pipeline politics (edited volume, published by ibidem, Germany).

– I will also finish up my economic research on Nord Stream as soon as I get my last interviews back.

Work, work, work… But life in Kazakhstan goes well nonetheless. Nice and warm here in Almaty. I met several beautiful people that accompany me in the everyday struggle against Soviet-era bureaucracy.

A highlight was the meeting with an Italian singer that has captured the ears and the hearts of many Kazakhs: Son Pascal. Originally, I approached him for an interview. Then, soon after we developed a fresh friendship. I’m sure our adventure at the sauna last week with the two oldest Kazakhs alive, talking about the internet (?!), open-heart operations (?!), and wives (?!), was not the last.

Oh, and most importantly, the NEW PROJECT that I’ve been working on for 2 years now will see the light before the end of the year. It’s going to be awesome and it will make me happy. I will soon share the details.

Il #petrolio di #Rosneft va in #Cina

Tallinn, Estonia

È cominciata oggi la mia collaborazione con L’Indro, una testata giornalistica indipendente che viene pubblicata ogni giorno online. Mi occuperò dell’area post-sovietica (esclusa la Russia) con due articoli di analisi ogni settimana. Le questioni energetiche e internazionali, naturalmente, saranno oggetto di particolare attenzione. Mille parole, studio approfondito del tema ed esposizione chiara per addetti ai lavori e non.
Qui sotto, un “articolo di prova”, per fare capire al pubblico come saranno trattate le notizie. In questo blog inserirò, dopo la pubblicazione, titolo, link e breve sommario di ogni articolo, sperando di stuzzicare il vostro interesse.

 

Nuova politica energetica russa

Il petrolio di Rosneft va in Cina

A est, mutano gli equilibri di potere tra Gazprom e Rosneft

I nuovi accordi commerciali del gigante russo del petrolio mutano gli equilibri di potere interni tra Rosneft e Gazprom. Il monopolista del gas si indebolisce a ovest mentre la compagnia di Igor Sechin trionfa a est.

TALLINN – Rosneft ha incrementato in maniera sostanziale il suo potere nel settore energetico russo in meno di un mese. Lo scorso 21 giugno, al Forum Economico Internazionale di San Pietroburgo, il colosso petrolifero russo ha raggiunto un accordo di fornitura di greggio verso la Cina del valore di 270 miliardi di dollari per 25 anni. Questo non è il primo segno di una forte collaborazione tra Russia e Cina in termini di commercio energetico. Dopo un decennio di negoziazioni altalenanti, le trattative relative al petrolio sono state risolte grazie alla mutua volontà delle parti e alla capacità di fare incontrare domanda e offerta, questione chiave sia per le esportazioni russe, vitali per il bilancio di Mosca, sia per le importazioni cinesi, imprescindibili per sostenere la crescita della potenza asiatica. Nel 1993, la Cina divenne Paese importatore netto di petrolio, a causa della coincidenza tra l’esaurimento delle risorse interne e dell’aumento vertiginoso dell’attività industriale. Da allora, Pechino ha sete di idrocarburi e cerca fornitori nel mercato internazionale.

Attraverso l’oleodotto ESPO (East Siberian – Pacific Ocean), la Russia è entrata nel mercato petrolifero della regione asiatico-pacifica. Inaugurato nel 2008 dopo un tiro alla fune tra Cina e Giappone per stabilirne la rotta, ESPO rappresenta il principale collegamento tra Russia e Cina, attraverso il quale vengono trasportate 15 milioni di tonnellate di greggio ogni anno. Igor Sechin, che da Vice Primo Ministro partecipò all’inaugurazione di ESPO, in questi giorni sta mostrando al Presidente Vladimir Putin i gioielli commerciali che ha conquistato da amministratore di Rosneft. Ai tempi della presidenza di Dmitri Medvedev, Sechin ricopriva due ruoli fondamentali: vice primo ministro nel governo Putin e amministratore delegato di Rosneft. Con un colpo di coda inaspettato, Medvedev impose la separazione delle cariche di Sechin e altri ‘siloviki’ (ex-agenti segreti sovietici riciclatisi in politica). Con grande astuzia, Sechin rimase alla guida di Rosneft, lasciando l’incarico governativo, sicuro della rielezione di Putin. Tuttavia, gli scontri Medvedev-Sechin non sono terminati: il primo ha proposto di vendere il 19% di Rosneft, abbassando la quota statale al 56%, mentre il secondo ha rifiutato categoricamente questa opzione. Sechin ha comunque ricevuto un ammonimento da Putin, sebbene timido e informale: «stai proprio occupando una posizione da monopolista», riferendosi in particolare ai territori orientali della Federazione Russa.

Nel suo terzo mandato da presidente, Vladimir Putin ha scelto di percorrere senza indugi il vettore asiatico della politica energetica russa, ma le due compagnie a partecipazione maggioritaria statale, Gazprom e Rosneft, hanno avuto fortune diverse. Nel caso di Gazprom, il gruppo manageriale ha commesso numerosi errori commerciali nel tentativo di risolvere il dilemma delle esportazioni in Europa, dove dal 2009 il transito del gas naturale attraverso l’Ucraina è diventato instabile e insicuro. Gli esagerati investimenti in infrastrutture titaniche (Nord Stream e South Stream), intrapresi anche grazie alla partecipazione delle maggiori compagnie europee, sono diretti a mitigare le conseguenze delle ‘crisi di transito’, ma creano buchi profondi nel budget della compagnia russa. Per quanto riguarda le esportazioni, Gazprom sta soffrendo appunto perché si trova costretta a portare a termine progetti molto costosi, nonostante la produzione non cresca e i prezzi diminuiscano.

Gazprom e il governo cinese hanno ottenuto un’intesa sul prezzo del gas russo da esportare nella Repubblica Popolare nel marzo di quest’anno. Ciò aveva sorpreso molti analisti ed esperti, considerato che nei sei anni precedenti le negoziazioni tra Mosca e Pechino avevano ripetutamente disatteso le speranze. L’intesa, tuttavia, non costituisce necessariamente un accordo e la costruzione del gasdotto è ancora solo un progetto sulle mappe. Senza gasdotto, infatti, i protocolli di intenti sulle forniture di gas naturale non possono essere tradotti in realtà. All’interno della Russia, Gazprom sta inoltre cedendo terreno in termini di produzione, dove Rosneft e Novatek stanno erodendo fette di mercato  domestico sempre più rilevanti. Proprio Rosneft ha completato a fine maggio l’acquisizione di ITERA, compagnia specializzata nel settore del gas e recentemente uscita dalle grazie del Cremlino. Insieme agli asset, Rosneft ottenne anche i diritti sui giacimenti di ITERA, diventando così un avversario concreto per Gazprom, con cui doveva fondersi nell’ormai lontano 2005. Oggi è forse più plausibile che Gazprom venga spezzettata in varie compagnie più piccole e dedicate a ciascun settore della filiera energetica, dalla produzione alla distribuzione, come suggerito a marzo scorso da ‘The Economist’.

Quest’anno Sechin ha esercitato una forte pressione affinché il monopolio sulle esportazioni di gas naturale, appannaggio di Gazprom dal 2006, fosse eliminato. Questo permetterebbe a Rosneft di pianificare un programma industriale di lungo periodo per l’esportazione di gas naturale liquefatto (GNL) dai propri nuovi giacimenti nel nord della Russia. Da lì partirebbero anche le esportazioni di Novatek, che ha raggiunto un accordo con la cinese Sinopec per la produzione di GNL nella penisola russa di Yamal.

Rosneft è impegnata in una campagna a tutto campo in ambito internazionale. Al Forum di San Pietroburgo nei giorni scorsi, la compagnia russa ha creato delle joint ventures con ENI per lo sfruttamento di risorse petrolifere nel Mare di Barents e nel Mar Nero. Inoltre, ha messo nero su bianco diversi accordi di produzione e commercializzazione di petrolio e GNL con compagnie giapponesi, americane, olandesi e norvegesi. Sul sito web della compagnia si può trovare un contatore che segnala il numero di accordi raggiunti nella città di Pietro il Grande. Ad aprile Rosneft ha inoltre acquistato alcune quote della Saras, per aumentare la sua capacità di raffinazione. Nel corso dello scorso inverno, la compagnia di Sechin ha completato l’acquisizione di TNK-BP, joint venture nata nel 2003 tra alcuni banchieri russi e la britannica BP. Quanto successo è stato utile per mantenere un buon rapporto con BP in vista delle possibili esplorazioni artiche future, dopo quelle fallite nel 2011.

La Cina considera positivo l’incremento del potere di Rosneft, visti i problemi negoziali avuti con Gazprom in passato. La compagnia di Sechin è anche in buoni rapporti con il Kazakistan, che dal 2009 fornisce annualmente circa 10 milioni di tonnellate di petrolio alla Cina occidentale. Dall’Asia centrale arriva anche gas naturale dal Turkmenistan, nuovo partner chiave della Cina, a dispetto di Gazprom. Pechino ha tutto l’interesse a circondarsi di “amici energetici” affidabili e lasciare al proprio fato il lunatico management di Gazprom. Questo mutamento in termini di potere relativo nel settore energetico russo tra Gazprom e Rosneft non è invece ben visto da Putin, il quale preferirebbe una strategia più equilibrata per la nuova politica estera energetica che guarda a oriente. Tuttavia è probabile che la conclusione del terzo mandato di Vladimir Vladimirovich coincida con la fine dell’egemonia di Gazprom, confinata alle attività europee, e con l’ascesa di Rosneft e Sechin a est.

Ballottaggio 2013 – Giarre (CT)

Tallinn, Estonia 

Per la serie “nulla è mai come sembra”, ecco i cataclismi che hanno sconvolto il panorama politico giarrese poco prima del ballottaggio per l’elezione del sindaco. Le previsioni “elettorali” che fanno leva sulla conoscenza dei sistemi di traduzione di voti in seggi, i metodi di assegnazione e di calcolo delle forze partitiche sono, ancora una volta, poco utili alla comprensione degli schieramenti finali in questa infinita campagna elettorale.

Veniamo ai fatti. Dopo una disastrosa tornata elettorale, nella quale la coalizione ha guadagnato soltanto 350 voti rispetto alle amministrative del 2008, ritornando ai seppur magri livelli del 2003 sopra i 2.500 voti, il centro sinistra si sfalda. Nelle due passate tornate elettorali, infatti, la coalizione del centro sinistra aveva espresso il secondo candidato più forte. Questa volta, invece, la coincidenza tra disastro dei partiti e liste civiche, disastro del candidato sindaco e  sistema elettorale è stata fatale a livello politico per il centro sinistra.

Lo sbarramento al 5%, infatti, avrebbe dovuto servire da segnale agli ingegneri elettorali che si occupavano di stilare le liste prima della campagna elettorale. A Giarre, la forza della destra e delle clientele è nota, quindi un centro sinistra che mirasse a vincere  avrebbe dovuto tener conto di ogni particolare. Invece, ci si trincerò dietro i simboli dei partiti, dietro personalità più o meno popolari e forse anche dietro il mal celato desiderio di “sconfitta programmata“.

Dopo la sconfitta, infatti, è sembrato che l’unico obiettivo del Partito Democratico fosse quello di ottenere più seggi possibile, cosa che li ha portati ad appoggiare la coalizione di Salvo Andò. Una inversione di marcia del tutto inaspettata, spinta dalla CGIL di Giarre, dal PD catanese e nientemeno che da Crocetta (il cui simbolo è arrivato penultimo al primo turno). La sorpresa degli alleati della coalizione è stata accompagnata da un’altra strabiliante novità. Il candidato sindaco del centro sinistra si è alleato con l’altro contendente al ballottaggio, Roberto Bonaccorsi. Con la proposta di una vice-sindacatura, Salvo Patanè ha deciso di appoggiare il progetto del suo avversario più distante durante la campagna elettorale. “If you can’t beat them, join them” cantavano i Queen alla fine degli anni settanta.

Cosa significa tutto ciò in termini elettorali? In caso di vittoria di Bonaccorsi, come già detto, i 12 seggi saranno ripartiti tra PdL (6) e le liste civiche collegate (2 ciascuna). I rimanenti 8 andranno alle liste collegate ad Andò (6, incluso uno per il PD) e due andranno a Città Viva di D’Anna. Il PD non guadagnerebbe alcun seggio dall’apparentamento, in questo caso. Se Andò riuscisse a battere Bonaccorsi, il quadro cambierebbe sostanzialmente: Bonaccorsi rimarrebbe con 6 seggi (3 al PdL e uno ciascuno agli altri) e Città Viva otterrebbe i soliti 2. Dall’altra parte, le liste collegate ad Andò al primo turno otterrebbero 9 seggi, in compagnia del PD, che ne otterrebbe 3, diventando la chiave di volta della maggioranza del Consiglio Comunale.

È importante notare che la forza politica più sorprendente delle elezioni del 2013, Città Viva, non si è “apparentata”, seppur si sia schierata timidamente con Bonaccorsi. Questo, in termini elettorali, significa che i consiglieri eletti tra le sue fila saranno due in entrambi i casi e che l’obiettivo sarà utilizzare il Consiglio quale luogo dove esprimere le proprie preferenze caso per caso.

In termini politici, quindi, con l’uscita di scena del PD quale opposizione programmatica alla prossima amministrazione comunale (specialmente in caso di vittoria di Andò), ecco che si prefigura una lotta alle clientele che riecheggia le scorse amministrazioni, stavolta senza una vera anche se minima opposizione in Consiglio. D’altra parte, la mossa di Patanè testimonia quanto sbagliata fu la scelta di imporlo come candidato di un centro sinistra di cui egli non è espressione. La prospettiva di un governo Andò-PD mi spaventa più di quanto mi intrighi. Al contrario, la sconfitta di questa alleanza scomoda sarebbe un segnale gravissimo per il Partito Democratico e segnerebbe il totale fallimento del centro sinistra a Giarre.

Una nota finale sulle preferenze di genere: i due seggi di Città Viva saranno ricoperti da due donne, 1 donna sarà eletta tra le fila dei bonaccorsiani (comunque vada), Tania Spitaleri sarà da sola per il PD in caso di sconfitta di Andò, oppure accompagnata da un’altra democratica. Solo con la vittoria, le liste di Andò eleggeranno donne (3), che saranno assenti in caso di sconfitta. In Consiglio ci saranno 4 donne (in caso di vittoria Bonaccorsi) oppure ben 8, in contrasto con il passato Consiglio che ne ospitava solo due (per altro riconfermate). Un miglioramento in termini di pari opportunità, anche se questo non sembra il principale problema per la città di Giarre.

Elezioni 2013 – Giarre (CT)

Tallinn, Estonia

La mia città alle elezioni e ora al ballottaggio. La campagna elettorale è stata un macello e dopo un decennio di porcate da parte dell’amministrazione Sodano, c’era da aspettarselo. Ho seguito tutto da fuori, anche stavolta. Ma il pallino dell’analisi elettorale è sempre presente e non ce la faccio più a leggere commenti e opinioni varie sui comportamenti elettorali dei giarresi. Perché i giarresi non sono come gli elettori tedeschi, che hanno sapientemente utilizzato il loro voto doppio (uno proporzionale e uno maggioritario, per scegliere i rappresentanti della camera bassa). Anche le forze più piccole, se valide, superano l’ostica soglia di sbarramento in Germania, grazie al supporto personale che i loro candidati riscuotono a livello locale. Ma questo è il profondo nord, con la cultura del voto come diritto, esercizio che non si ferma alla domenica elettorale e che segue e punisce gli errori politici.

Nel profondissimo sud, invece, la punizione politica non esiste. Anzi. L’ormai ex sindaco Sodano era stata eletta con i voti del PdL in entrambi i casi precedenti, salvo poi rompere gli equilibri a metà dell’ultima amministrazione e lasciare che la propria coalizione si sfaldasse (anche se solo sulla carta e non in merito a decisioni chiave che hanno peggiorato la situazione finanziaria e sociale della città). Il “nuovo” è dunque Roberto Bonaccorsi, PdL, commercialista ed ex assessore al bilancio a Catania. Ma il PdL è il “vecchio”, quindi il nuovo deve per forza essere… il vecchio Salvo Andò! L’ex Ministro della Repubblica costruisce una rete di liste civiche, con una sapienza da ingegnere elettorale, e va al ballottaggio. Cenere, nonostante i grandi consensi, per D’Anna (civico), polvere per Patanè (centro sinistra), briciole per Spina (M5S) e Barbagallo (civico).

Tutti questi “civici” potrebbero indicare, in Germania, un rifiuto organizzato per l’establishment e i poteri forti. In Sicilia, invece, si tratta di marchingegni elettorali di distinzione dall’altro, in mancanza di un programma elettorale forte. L’obiettivo è arrivare al lunedì pomeriggio post-elettorale con una manciata di voti in più per poi venderli (o ri-venderli, questo è un discorso a parte) al migliore offerente tra i due duellanti in finale. Una delle questioni più sottovalutate delle elezioni è tuttavia il Consiglio Comunale, il supremo organo di dibattito, il Parlamento del Comune, dove l’opposizione (più o meno la stessa per 15 anni!) ha la possibilità di lottare contro le illecite operazioni delle varie amministrazioni e proporre iniziative per “l’altra metà dei giarresi”. Questa volta, infatti, circa 12.000 residenti saranno senza rappresentanti in Consiglio. I soliti 7 mila hanno preferito non votare (e di questi, molti non si trovano in sede, come il sottoscritto) e 5.400 sono stati esclusi dalla soglia di sbarramento al 5% che ha sacrificato ben 10 liste (nel 2008 solo 4).

Un gravissimo problema dal punto di vista del funzionamento della democrazia elettorale è stato il sistema di voto. La doppia preferenza di genere, introdotta dalla nuova legge regionale è già complicata di per sé. Se poi si introduce anche la non trasferibilità del voto di lista (che di per sé non va anche al candidato sindaco collegato) che non esisteva e non rispetta la volontà “pigra” dell’elettore, allora siamo nei guai. Gli errori con la scheda sono stati tantissimi. Chi non ha sbagliato aveva ricevuto istruzioni molto, forse troppo, dettagliate. Prima di aver studiato la legge, ammetto che avrei sbagliato anche io, perché mi sarei dimenticato di sbarrare il pallino del sindaco. Il voto disgiunto ha come principio la “volontà di disgiungere”, non quello di non decidere.

Dopo questo macello, sia di ricerca dei voti, sia di conta, per molti deludente anche per i motivi sopracitati, nessuno sta parlando dei possibili risultati del ballottaggio. Non solo per quanto riguarda il sindaco (è facile, uno dei due vince). Il Consiglio Comunale avrà diverse configurazioni nei due casi. Infatti, chi sia eletto sindaco porterà con se 12 consiglieri su 20, quale premio di maggioranza. I restanti 8 saranno ripartiti tra chi ha superato la soglia del 5% al primo turno.

Non ho trovato modifiche alla “introvabile” legge elettorale, quindi presumo che la formula di assegnazione dei seggi sia rimasta immutata. Secondo il principio pensato dal belga d’Hondt (metodo del divisore, leggere qualche buon libro per approfondimenti), la proporzionalità dell’assegnazione dei seggi premia i partiti più votati, seppur con una distorsione solo minima della proporzionalità tra voti e seggi. Nel 2008 è stato chiaro anche a Giarre, mentre quest’anno con la soglia di sbarramento si è preferito forzare ulteriormente il sistema verso i partiti più votati.

Hanno superato la soglia in 9. 4 collegati a Bonaccorsi, 3 collegati ad Andò, 1 a D’Anna e 1 a Patanè.

In caso di vittoria di Bonaccorsi, i dodici saranno ripartiti così: 6 PdL, e 2 ciascuna alle altre 3 liste (il PdL guadagnerebbe 1 seggio rispetto al 2008… come premio per il lavoro svolto, immagino).
I restanti 8 dovranno essere ripartiti così: 5 Andò (2- Vitale per Giarre, 2- Comitato Civico e 1- Movimento Civico), 2 D’Anna e 1 PD.

In caso di vittoria di Andò, i 12 saranno ripartiti così: 5- Vitale per Giarre, 4- Comitato Civico e 3- Movimento Civico (la lista Vitale per Giarre guadagnerebbe ben 4 seggi, anche se politicamente la lista è molto distante da quella che ha rappresentato l’opposizione a Giarre negli ultimi 5 anni).
I restanti 8 saranno suddivisi tra: Bonaccorsi (5, tra cui 2 PdL e uno ciascuno per le altre liste collegate), D’Anna (2) e PD (1).

Il ballottaggio dunque  deciderà sostanzialmente il fato di 14 possibili consiglieri, oltre che il nome del sindaco e la sua giunta. Tutto sta a capire bene chi siano questi figuri, se si ha voglia di partecipare alla seconda tornata elettorale. Questi saranno i prossimi a bussare alle porte dei giarresi.

E gli altri? L’opposizione? Tania Spitaleri, councilwoman più votata, rimane tuttavia la sola espressione del PD e non si capisce ancora che tipo di opposizione (se opposizione sarà) che D’Anna rappresenti.

Per i primi anni della scorsa amministrazione si sono visti molti 18-2 in Consiglio. Forse questa volta vedremo invece degli orribili 19-1, da Politburo dei peggiori anni Sovietici. A meno che le divisioni tra favoritismi e clientelismi non creino delle fratture politiche tra i futuri rappresentanti della città. Comunque vada, buon lavoro a Tania.

UPDATE: Ciò detto riguarda la fotografia del presente, prima che le liste non precedentemente collegate ai candidati a sindaco ammessi al ballottaggio si “apparentino” con l’uno o l’altro. PD+Andò significherebbe 2 seggi in più al PD in caso di vittoria del vecchio politico giarrese (e 2 in meno per le liste Andò). Un apparentamento tra D’Anna e Bonaccorsi garantirebbe un seggio in più al primo, a scapito del PdL. Scegliere gli apparentamenti quindi costerà credibilità ai partiti che si erano proposti come alternative e costerà anche qualche “favore” ai candidati sindaco, che a tutti gli effetti sacrificheranno uno o due dei propri consiglieri in favore di coloro che gli avevano fatto campagna contro.

Gassy Friends

Tallinn, Estonia

There should be more “energy” in this blog. Here we look at how energy builds feeble friendships and goes against what in International Relations and everyday media seems to be non-controversial.

Iran has very few friends in the international community. US embargo and sanctions have accomplished the slowdown of foreign economic activity in the country. The Seattle Times summarized it all in early 2010:

German industrial conglomerate Siemens AG said last week that it will stop doing business in Iran by the middle of 2010. European banks such as Deutsche Bank, Commerzbank, UBS AG and Credit Suisse Group have also pulled out of Iran.

In 2010 the Italian ENI was going to be the last big business to leave Iran, only to come back later and announce that their contracts are not covered by the embargo – something that the US has not confirmed. Recently, ENI confirmed the phasing-out of business in Iran once the costs of the current ones are recovered. Given that Iran was one of the gems that ENI was proud of having found during the years of Enrico Mattei, it will be a pretty big loss for the Italian company in general.

This background is just for perspective. Meanwhile, however, non-Western energy is playing a big role in the region, overcoming the obstacles of international sanctions, embargoes and tense relations. With great pride, Armenia and Iran are linked by a gas pipeline since 2008. At the same time, a few kilometers to the East, another gas pipeline feeds the Azeri enclave of Nakhchivan, through swaps between Teheran and Baku. Azerbaijan is not able to send gas via pipeline across Armenia to its citizens in Nakhchivan, so it gets Iranian gas and is paid back with Azeri gas going into the northern and populous regions of Iran. This web of relations could seem silly in a market-driven environment, where the path of pipelines would look more straight and there would be no need to circumvent sensitive regions. But in the heart of the Middle East, reality is more complicated. Turkmenistan swaps its gas as well with Southern Iran, but quantities are not disclosed.

But then you look at Turkey and you scratch your head. Ankara, now under increasing pressures from the population, is the biggest client of Iranian gas (10 bcm). But wait, isn’t Turkey part of NATO? Isn’t NATO… yes, all those consequential questions are legitimate and justified. And just as we care nothing about human rights in Armenia, Azerbaijan, Turkey, and Turkmenistan (just to mention the countries cited here, with which we constantly entertain fruitful relations), the regional gas balance cares little about Western concerns about the Iranian economy. Sanctions and embargoes are precisely intended to weaken the economic stability of an oil and gas potential exporter (although the internal problem in the energy mix are still huge). Therefore, energy trade, or the lack of it, should be the first political tool to use against Iran. By now, the entirety of the West does it. In the region, however, the need for natural gas and of lucrative contracts trumps the political pressures from Washington (and Brussels).

Political friends or enemies, when it comes to business, let’s put a brown bag on our faces and do it. The Western pull out from Iran will certainly contribute to our ignorance of the entire region and foster an antagonistic discourse based on what we think, we hope, we wish was going on “over there”. It’s lucky that there’s people around that write good stuff and open our eyes – in this case on natural gas issues.