bottleneck analysis

Fresh insights about energy, politics, travels, sports, music…

Tag Archives: Italy

The Brain and the Ball #WC2014

Almaty, Kazakhstan 

The World Cup is over. The German perfect machine won, the pretentious teams that thought their name would win for them lost, and teams who bet on their country’s youth fared well. But here I briefly look at my favorite players. 

I wasn’t that good at playing football/soccer/calcio: not so fast, not so good at handling the ball, with bad eyesight… what made me almost a provincial champion half-my-age ago, then? Apart from my monstrous team, my brain. I knew where to be in the pitch, read my opponents well, and loved to break their game, get the ball and pass it to my more talented teammates. That’s why I can get excited for Argentina-Netherlands 0-0, a semifinal that excited 1% of the watchers, while the other 99% complained it didn’t show as many goals as Brazil-Germany 1-7.”Boring” they say, I say “genius”. If three players aren’t that good for one night (Van Persie, Higuaín, Agüero, I’m talking to you), it doesn’t mean that the other 19 on the pitch didn’t play well or weren’t exciting.

What  fascinates me is their ability to read the game and to change it through their intelligence, rather than their talent. That’s why in this list you will not see Messi, Robben, James Rodriguez, Ochoa, Götze, Neymar, Sanchez, or Di María (the latest being the best player I’ve seen in 2014) – all of them are intelligent players, but their skills are disproportionate with respect. You will see through Benzema‘s short hair which were made stand on hand by Neuer, look into Mascherano‘s wide eyes, get scared by Vlaar and Lahm‘s eyebrows, and get yelled at by Müller. The formation I created represents my selection of players who would play for a sort of “Clever FC”, which could not be beaten by a corresponding selection of the most-valued players in activity today. Germany demonstrated it: whatever name is on your jersey, you will be destroyed by our team’s football intelligence. Rojo and Darmian‘s great performances demonstrated that even young players can be tidy and cunning. Pirlo is probably growing so much hair because he wants to hide all the cerebral matter that is overflowing his cranium. Hummels is one of the best defenders of our time, Kuyt and Shaqiri run more than is humanly possible, but don’t get tired because they run with a clear idea in mind. Lavezzi is above Di María in this one because the latter needs to learn from the former about teamwork. A special mention goes to Argentina’s Perez, you’ll see what I mean in the nearest future.

Enjoy!

My very own "Clever FC" for the 2014 World Cup

My very own “Clever FC” for the 2014 World Cup

Gassy Friends

Tallinn, Estonia

There should be more “energy” in this blog. Here we look at how energy builds feeble friendships and goes against what in International Relations and everyday media seems to be non-controversial.

Iran has very few friends in the international community. US embargo and sanctions have accomplished the slowdown of foreign economic activity in the country. The Seattle Times summarized it all in early 2010:

German industrial conglomerate Siemens AG said last week that it will stop doing business in Iran by the middle of 2010. European banks such as Deutsche Bank, Commerzbank, UBS AG and Credit Suisse Group have also pulled out of Iran.

In 2010 the Italian ENI was going to be the last big business to leave Iran, only to come back later and announce that their contracts are not covered by the embargo – something that the US has not confirmed. Recently, ENI confirmed the phasing-out of business in Iran once the costs of the current ones are recovered. Given that Iran was one of the gems that ENI was proud of having found during the years of Enrico Mattei, it will be a pretty big loss for the Italian company in general.

This background is just for perspective. Meanwhile, however, non-Western energy is playing a big role in the region, overcoming the obstacles of international sanctions, embargoes and tense relations. With great pride, Armenia and Iran are linked by a gas pipeline since 2008. At the same time, a few kilometers to the East, another gas pipeline feeds the Azeri enclave of Nakhchivan, through swaps between Teheran and Baku. Azerbaijan is not able to send gas via pipeline across Armenia to its citizens in Nakhchivan, so it gets Iranian gas and is paid back with Azeri gas going into the northern and populous regions of Iran. This web of relations could seem silly in a market-driven environment, where the path of pipelines would look more straight and there would be no need to circumvent sensitive regions. But in the heart of the Middle East, reality is more complicated. Turkmenistan swaps its gas as well with Southern Iran, but quantities are not disclosed.

But then you look at Turkey and you scratch your head. Ankara, now under increasing pressures from the population, is the biggest client of Iranian gas (10 bcm). But wait, isn’t Turkey part of NATO? Isn’t NATO… yes, all those consequential questions are legitimate and justified. And just as we care nothing about human rights in Armenia, Azerbaijan, Turkey, and Turkmenistan (just to mention the countries cited here, with which we constantly entertain fruitful relations), the regional gas balance cares little about Western concerns about the Iranian economy. Sanctions and embargoes are precisely intended to weaken the economic stability of an oil and gas potential exporter (although the internal problem in the energy mix are still huge). Therefore, energy trade, or the lack of it, should be the first political tool to use against Iran. By now, the entirety of the West does it. In the region, however, the need for natural gas and of lucrative contracts trumps the political pressures from Washington (and Brussels).

Political friends or enemies, when it comes to business, let’s put a brown bag on our faces and do it. The Western pull out from Iran will certainly contribute to our ignorance of the entire region and foster an antagonistic discourse based on what we think, we hope, we wish was going on “over there”. It’s lucky that there’s people around that write good stuff and open our eyes – in this case on natural gas issues.

Which Side Are You On?

Tallinn, Estonia

DISCLAIMER-THAT-I-DON’T-NEED: I may or may not have made references to past, current, or future employers/schools/publications/friends. The internet is not a real place anyways.

Throughout my mature life, I was/am/will be torn in between controversial issues for my own beliefs. Working for a company/organization which has interests in furthering what I hate the most (wars, economic blockades, antagonistic discourses, racism, supremacism, machism…). Writing articles that make people working in these places/publications twitch and edit it all out or refuse it. Working for a government that despises its own Constitution, which says that “Italy repudiates war” and still our army kills and gets killed in armed conflicts abroad, among other horrible things. Studying and getting a bursary to link and justify a regime with limited freedom to the eyes of armchair bureaucrats and intellectuals in Europe. Keeping my friendship (or even Facebook friendship) with people whose beliefs are so distant from mine that I can’t believe our relationship even started. Possibly applying to work for energy companies that pollute, exploit, and corrupt (all of them?). Arguing in academic circles about the relevance of the use of a confrontational and biased attitude from our Western (or sometimes Semi-Western) perspective built by newspaper articles and rhetoric from various pundits (isn’t the purpose to understand and analyze? Aren’t we just judging and misrepresenting instead?).

Coping and sucking it up has become a true skill of mine. I should put it in my CV: “I will be able to withstand all the bullshit that goes on at your workplace”.

But isn’t that what most of us does every day? What am I complaining about? I am sick of this fake “courage” of mine that pushes me into dead ends where I can only realize how awful the world can be on this side. While I try to gain the necessary courage to successfully make the move to a side that is more in line with my thinking, I will keep learning to the tiniest details what is bad and needs to be eradicated.

 

 

I’m on that side. The other one.

Recent Past and Near Future

Glasgow, UK 

The fact that I’ve let this blog go even under one post per month can be a huge disappointment – or a great relief – for my few followers. I have now a few related announcements to make in order to explain my past and future absence from this platform. The absence will be interrupted by wordy posts, however. Because I can’t keep my promises.

– Collaboration with The Hidden Transcript (student-run online magazine)

For forthcoming articles, refer to the page http://thehiddentranscript.com/author/paolo/

– Conferences, roundtables, workshops in the next 2 months

  • Dublin, DCU – Irish Association for Russian, Central and East European Studies (IARCEES) Conference

    • presentation of a paper on Pipelines and Hegemony in the Caspian Region (a neo-Gramscian appraisal)
  • London, UCL – School of Slavonic and East European Studies (SSEES) and Centre for East European Language-Based Area Studies (CEELBAS) Roundtable on “Energy and Institutions”
    • presentation on Pipeline politics and Energy Security in the Caspian (the case of Kurmangazy)
  • Cambridge, UK – British Association for Slavonic and East European Studies (BASEES) and International Council for Central and East European Studies (ICCEES) Congress
    • panelist and discussant for panel 3.4 “EU Energy Security since 2004: Import Dependency and Russian Gas Supplies for an Expanding Union”

A couple of book reviews will also be coming along.

Marò!

Glasgow, UK 

‘Twas a very low-profile end of the year, but here we are again. After some vacation and without much time to waste, here’s a little story of the facts involving two Italian soldiers arrested last year in India for having shot 2 fishermen dead. For my Italian friends, there is a non-translated, non-abridged version of the story by Giap here (author: Matteo Miavaldi)

Listening to the Italian media is excruciating. This sentence can be – and is – used by anyone living in Italy and turning on the TV.

Reading the Italian papers is a waste of time. This sentence can be – and is – used by anyone who speaks Italian and has access to newspapers, either in print or online.

Verba volant, scripta manent. Latins knew how to depict feelings in one sentence: the TV brainwashes you and you don’t even realize it, while you can note down all mistakes a newspaper prints on the page. But what’s so special about the Italian media? More than its audience, it is racist and bigot to a disproportionate extent. The case of the two Italian soldiers who allegedly shot dead 2 Indian fishermen while “protecting” an Italian tanker nearby the Indian coast is a case in point. After the whole Christmas merry-go-round of fascist utterings by several Italian politicians, the time was ripe for a rebuttal from honest people who actually know the facts and live where they have occurred. It just takes a little reading and a pinch of surfing the web to get the perfect recipe of information on this case. Serving their political agenda, Italian newspapers and newsreels have built a farce in order to purport a different reality to their customers.

“It’s not fair that our soldiers are kept in prison by those barbarians”. BOOM! Racism, supremacism, imperialism, and fascism all in one go. This was never said by the news, but is what the news have generated within the numb brains of many Italians. Here’s what happened, according to the article – and reality.

On February 15, 2012 the Italian tanker “Enrica Lexie” (EL) is sailing not far from the coast of Kerala, in South-Western India, in its journey to Egypt. 34 people are on board. Among them, 6 “Marò” (Italian marines) from the Venetian “Reggimento San Marco” whose duty was to protect the boat from pirate attacks, which proved to be a concrete risk along the route that brought them close to the waters of East Africa. Not far from there, an Indian fishing boat “St. Antony” [sic] has 11 people on board. At around 4.30 p.m., the incident. EL thinks it’s under a pirate attack and the Marò shoot towards the “St. Antony”, killing Ajesh Pinky (25) and Selestian Valentine (45). The “St. Antony” reports to the coastal guard of the Kollam district, who immediately contacts the EL, asking if it were involved in a pirate attack. EL’s confirmation leads the coastal guard to ask the Italian boat to approach the port of Kochi. The Italian Navy commands to the EL’s captain Umberto Vitelli not to sail to the port and not to let the Italian soldiers on Indian soil. The captain, who’s not in the army but a private citizen, has to respond to the shipowner first and so he concedes to the requests of the Indian authorities. The same night, the victims’ bodies are examined with an autopsy. Two days after, they are buried. On the 19th, Massimiliano Latorre and Salvatore Girone, two among the Marò, are arrested upon charges of murder. The Tribunal of Kollam sentences that the two Italian soldiers be kept in custody at the guesthouse of the CISF (Central Industrial Security Force), Indian police corps. This detail is important, because they are not kept in a regular prison.

The Italian news and the Italian people have been vomiting racist crap on the issue for almost a year now, but the amount of bullshit intensified last Christmas, when the two Marò had been granted a special permit to visit their families in Italy, while they wait for a trial. An exceptional case for people who are accused of murder. Especially given that, without the consent of the Indian court, the families of the victims were “presented with” a donation of 10 million rupees (around $200.000) on a cheque signed by the Italian government. On top of this slimy conduct, a grotesque scene took place when Rome lobbied their neighbors in the Vatican to get a local Catholic priest to “open a spiritual channel” in connection with the families, both Catholic. The Indian authorities were unhappy of this attitude, to say the least.

There are three questions that leave a bitter taste to those who care:

1) How is it possible, in the XXI Century, to think you can resolve international questions with bribes and slimy practices just because Italy is dealing with India (ppfft. they don’t even have laws down there!)

2) How can Italians negate their inherent racism when they approach a foreign country in such manner, and how can we stand the presence of so many fascists (many among them are actually in Parliament or in Government)?

3) Why, why on Earth, do Italian soldiers “protect” private tankers abroad? The law that allowed this practice was signed under the usual Parliamentary silence. Apparently, corporations in Italy are more important than people. Suck it, Colbert!

#VotAntonio

Glasgow, UK 

Da troppo tempo non utilizzo il blog. Continuo a ricevere visite, il che è piacevole, ma ogni tanto sento il bisogno di scrivere, ma purtroppo il tempo manca. Ecco un post in italiano su una questione insignificante: le primarie del centrosinistra.

Le primarie del centrosinistra sono un evento insignificante perché nessuno dei candidati rappresenta un’idea, ma solo un volto (ci stiamo avvicinando all’America e alla sua depoliticizzazione). Un evento insignificante perché avvengono in un momento storico che ci ricorda che esistono cose più importanti a cui pensare: la stretta di Monti & co. sulla gola degli italiani e la guerra in Palestina. Chiunque sarà “eletto” non si preoccuperà minimamente di contrastare le politiche neoliberiste della Bocconi e di Bruxelles o le politiche razziste e neoimperialiste di Israele e NATO. Dunque perché preoccuparsene?

Io ho dedicato due ore della mia vita a guardare con attenzione il dibattito su Sky (su youtube, che è più facile). L’ho fatto perché da fuori, a più di 2.000 km da casa, è importante capire cosa succede. Allo stesso modo, ho seguito le elezioni siciliane, sulle quali non ho scritto, ma ho pensato molto.

Nel merito, sui candidati alle primarie del centrosinistra ho alcune idee:

Non so perché Tabacci sia nel centrosinistra. Capisco il motivo per il quale egli sia per il centrosinistra (in modo da attrarre i più aperti tra i democristiani, azione in cui compete con Nichi).

Bersani mi è sembrato stanco, superbo e senza idee; è l’unico che è espressione di un partito (Nichi è il demiurgo del suo) e fa trasparire molto bene tutte le contraddizioni di un partito morto nell’Ottobre 2007.

Renzi è un rottamatore sia di vecchiume, sia di ideologia, sia di politica. Votare Renzi significa spegnere il cervello, tradurre tutto in inglese e tedesco e uniformarci a Bruxelles e Washington.

La Puppato è quella che mi ha convinto più di tutti. Pragmatica, amministratrice, senza peli sulla lingua.

Purtroppo, le primarie sono l’elezione di un leader, di una faccia per i poster, non un dibattito sulle politiche e sulle idee. Non voterò, perché non voto in condizioni di democrazia limitata (accesso alla scheda, regole) o in condizioni di ideologia limitata (se quello “più a sinistra” è un catto-comunista, non posso scegliere il mio rappresentante!).

Tuttavia consiglio un voto “inutile” alla Puppato oppure un voto “utile” a Vendola (e mannaggia a Veltroni che ha inventato questi termini).

Noi non siamo razzisti

Oakland, CA

Questa è la traduzione di un’articolo che ho scritto di getto, tra autobus e metropolitana, dopo una illuminante discussione sul razzismo negli USA, con alcuni amici. Dopo aver letto un articolo su La Sicilia dove compariva una citazione di un assessore comunale di Giarre che mi ha spinto a scrivere l’intero articolo sul cellulare, senza mai staccare le dita dai tasti o lo sguardo dallo schermo. Sì, mi sono perso la vista di San Francisco, per una volta, ma spero serva a qualcosa.

Il modernissimo consigliere comunale Josè – che è anche mio padre – aggiorna il suo status su facebook incollandovi un intero articolo di giornale. Sono sicuro di avergli mostrato almeno una dozzina di volte come inserire links oppure scrivere delle “note”, molto più agevoli e meno ingombranti di uno status-papiro. Ma tant’è. Scorrendo tra le righe leggo le solite vecchie notizie sullo stato dell’arte dell’incompiuto siciliano. Poi un lampo, un virgolettato. Ma qui mi fermo e fornisco un po’ di informazioni utili a chi non è familiare con il tema in oggetto o a chi avesse le idee confuse.

Giarre è la capitale italiana delle opere incompiute. Stadi, piscine, teatri… a voi scoprire cosa non abbiamo finito. C’è anche un “campo di polo” dove i cittadini vanno a correre e i ragazzini vanno a scuola calcio, presso le sparute società che sono ancora vive nell’area etnea. L’intera struttura fu costruita grazie al denaro fluito da Roma per i Mondiali di Calcio del 1990. Nei pressi di questa struttura non potrebbe essere organizzata alcuna attività o alcu, eccetto centri di raccolta in caso di emergenza e atterraggio per l’elisoccorso. A Giarre, una cittadina di appena 27.000 abitanti, in pochi hanno visto un elicottero atterrare al campo. Pochissimi hanno mai sentito parlare di “polo” in riferimento a uno sport, e non a magliette o caramelle. La struttura non è mai stata compleatata perché il denaro destinato alla sua costruzione è passato attraverso il filtro della corruzione politica, indubbiamente scortato dai vasi di ferro della mafia.

Spesso, quando mi trovo in Sicilia, visito la struttura e ultimamente ho notato che i ragazzini che giocano per la scuola calcio che mio padre ha fondato con alcuni amici sono costretti a correre su una superficie decisivamente peggiorata rispetto a quella che, ricordo, calpestavo dieci anni fa. Oggi, le stanze che ospitano gli uffici della società (non ufficiali, non registrati e non assicurati) sono costantemente oggetto di vandalismo. Dietro gli immensi e vuoti spalti riposano dozzine di campane per il riciclaggio di rifiuti, che una volta, quando l’amministrazione fingeva di riciclare i rifiuti urbani e invece trasferiva tutto negli stessi camion della nettezza urbana, si trovavano in molti punti della città. Accanto a questi giganti assonnati, alcuni spacciatori sprecano i loro pomeriggi indisturbati, troppo vicini ai bambini e agli adolescenti che giocano a calcio venti metri più in là.

Il campo di “polo” dove i ragazzini sognano l’erba

Un altro elemento importante per completare la descrizione storica è la caduta di cenere vulcanica dalla vicina Etna. Dal 2002, i fenomeni di parossismo si sono moltiplicati e continuano a molestare la tranquilla vita del paese.

L’amministrazione comunale è stata conquistata per due mandati consecutivi dalle forze conservatrici che lasciano che i “favori” dettino le priorità di gestione municipale e che hanno permesso una dura crisi di bilancio. Adesso, infatti, non sono rimasti neanche i fondi necessari per le pulizie “ordinarie” degli spazi pubblici, il che è un dovere primario per le istituzioni locali (“la manutenzione ordinaria è nella funzione dell’amministrazione pubblica” ricorda Josè, intervistato dallo stesso giornalista). Anche la pulizia della sabbia vulcanica dovrebbe rientrare tra i compiti di un’amministrazione diligente. È invece toccato ai calciatori e ai corridori portare scopa e paletta per utilizzare la malandata pista d’atletica. Uno sforzo di grande valore, che non è stato neanche notato o applaudito dall’amministrazione, che ha preferito nascondersi al fine di evitare di lasciare traccia dei suoi misfatti e delle sue omissioni.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso della mia pazienza, però, non è arrivata né da Milano, né da Londra. Da Milano, alcuni ragazzi pieni di creatività (che tuttavia relego nella categoria etnografi* zoologi umani) hanno portato alla luce dei mass media la questione dell’incompiuto, sottolineando l’incapacità tutta siciliana di finire ciò che si comincia. Da Londra, invece, gli etnografi zoologi umani britannici hanno pubblicato un documentario su di noi, sui siciliani più pigri. No, ciò che mi ha fatto incazzare (perdonatemi l’espressione) è stato un virgolettato innocente riportato nell’articolo che menzionavo prima.

Giuseppe Cavallaro, ormai ex-assessore allo sport, è stato ingenuo abbastanza da pronunciare queste parole:

C’è un’associazione di ragazzi del Burkina Faso, rifugiati politici, ospiti alla parrocchia Regina Pacis, che vorrebbero inserirsi e socializzare con la comunità locale. Potrebbero aiutarci a curare il verde come volontari, assicurati contro eventuali infortuni.

Ho dovuto leggere e rileggere la dichiarazione più e più volte. Una dichiarazione che arriva da un corresponsabile della crisi finanziaria del Comune, inadeguata innanzitutto perché, come già detto, è responsabilità dell’amministrazione garantire la pulizia ordinaria degli spazi pubblici. Impiegando residenti, pagando loro un salario dignitoso, mettendoli in regola anche dal punto di vista contributivo (perché sento il bisogno di sottolinearlo?), non elemosinando opere di volontariato.

Il motivo principale del mio sdegno, tuttavia, è l’imperdonabile assunto che mostra la forma mentis razzista tipica degli europei e che è stata sempre difficile da identificare per me, nato e cresciuto nella cattolica e conservatrice Sicilia. Sono africani, quindi è ovvio che debbano lavorare per poco o nulla (in quest’ultima accezione, si tratta di schiavitù, non di volontariato, perché non presuppone la libera scelta dell’individuo). Essi sono abituati a queste condizioni! Pulisci, presto, sistema il caos creato dalla natura… e già che ci sei, metti a posto anche il casino che l’uomo bianco ha lasciato dietro di sé! Sono rifugiati politici? Meglio! Almeno non sono clandestini e per sfruttarli non dobbiamo neanche andare contro la legge!

Non ci sono tante persone bionde in Sicilia, così come la pelle olivastra dei meridionali è una rarità nelle province del nord. L’Europa non è abituata a mescolarsi. Adesso che più persone con diversi background culturali e geografici hanno conquistato il diritto di viaggiare liberamente in Europa, la paura dello slavo si è aggiunta alla difficile relazione tra francesi e magrebini, al problema degli italiani con i rom e con gli albanesi e al tentativo tedesco di capire come comportarsi con la minoranza turca che la Germania ospita. Per noi europei è necessario guardare i film americani per pronunciare la parola “razzismo”. Noi non capiamo le sue cause e le sue manifestazioni. Questo ci fa razzisti anche quando pensiamo di non esserlo. Mi vergogno del linguaggio offensivo e razzista usato da un membro dell’amministrazione del Comune presso il quale risiedo e mi dispiace che coloro a cui piace definirsi i discendenti della cultura democratica non riescano a realizzare che sono anche gli eredi della cultura razzista che ha causato le peggiori diseguaglianze e le violenze più aberranti della storia umana.

I rifugiati politici del Burkina Faso ospitati a Giarre non vivono lì per scelta. Loro non godono dei vantaggi di vivere in Europa, non sono agevolati dalle opportunità che il trattato di Schengen concede. No, se vogliono trovare il loro posto in società, devono chiedere l’elemosina. Devono dirigere le proprie preghiere verso supponenti palloni gonfiati che non hanno di meglio da dire che: “facciamoli lavorare come schiavi!”. Quindi ci sono due parti in questa brutta storia: 1) la dichiarazione dimostra i misfatti di un’amministrazione che non tiene conto dei suoi doveri minimi verso la popolazione che l’ha delegata; 2) la soluzione proposta è chiaramente razzista in quanto suggerisce l’uso dei rifugiati africani per compiti per cui sono logicamente adatti.

* gli etnografi zoologi umani per me sono individui che provano a giustificare la supremazia di una cultura sulla base delle tradizioni etniche dei popoli. Chiedete agli etnografi britannici, russi, francesi, italiani, spagnoli, cosa pensassero degli esotici indiani, africani, magrebini, caucasici, sudamericani…

UPDATE: Grazie ad alcuni amici, ho dovuto emendare questo articolo. Mi è stato suggerito di essere più esplicito nella condanna della frase razzista del politico locale, cosa che ho provato a fare nel paragrafo in rosso. Inoltre, ho ricevuto una spiegazione dettagliata sul mio incorretto uso della parola etnografo. La mia accezione negativa della parola proviene dai tempi coloniali, quando etnografia e antropologia stavano solo cominciando ad essere inseriti nei dibattiti accademici. Il relativismo culturale da allora ha portato a una più profonda comprensione dell’altro. Tuttavia, il razzismo e il sentimento di supremazia non sono concetti relativi. Per questo motivo, pur preferendo zoologo umano e scusandomi verso i molti validi etnografi, continuo a sostenere che provare a comprendere l’altro senza neanche un pizzico di razzismo o di sentimento di supremazia sia molto difficile per gli occidentali. Spero che ne nasca un dibattito costruttivo.

Buongiorno Inquisizione

Giarre, Italy

Lo scorso martedì, mentre cercavo invano di svegliarmi, ho letto una notizia assurda su Dante. Ho scritto d’un fiato un post in inglese, visto che non c’era notizia di questo in lingua straniera. Dopo varie richieste dai miei fan più sfegatati, ecco la traduzione. Buongiorno, Inquisizione.

L’unico sito web che riportava la notizia in lingua inglese era catholic.com, ma vi risparmio i commenti. Sul Corriere della Sera si legge:

La Divina Commedia deve essere tolta dai programmi scolastici: troppi contenuti antisemiti, islamofobici, razzisti ed omofobici. La sorprendente richiesta arriva da «Gherush92», organizzazione di ricercatori e professionisti che gode dello status di consulente speciale con il Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite e che svolge progetti di educazione allo sviluppo, diritti umani, risoluzione dei conflitti.

Lo dovetti leggere più volte, fare un po’ di ricerca e controllare le fonti prima di poter finalmente dire che non si trattava di un falso. Peggio ancora, scopro che la presidente dell’organizzazione è italiana, Valentina Sereni. Al di fuori dei confini italiani, nel più fortunato dei casi le scuole offrono solo nozioni rudimentali sulla Commedia dantesca, mentre invece nelle scuole superiori italiane si studiano i suoi versi per tre anni. Un capolavoro che definito “divino” solo dopo la sua conclusione, dato che parlava di e si avvicinava a una perfezione lirica e sacra. Quest’opera, insieme a poche altri esempi contemporanei, contribuì alla codificazione della lingua italiana, di contro rispetto al latino ecclesiastico, incomprensibile ai più e usato come arma dalle classi aristocratiche. Dante prese quello che rappresentava il volgare, la lingua dei contadini, degli artigiani, e la trasformò in lirica. Dante era anche un anticlericale e un proto-nazionalista che predicava la supremazia dell’uomo bianco senza neanche pensarci su. Ma eravamo nel tredicesimo secolo, nel Medio Evo!

L’eredità di Dante per me rappresenta soprattutto la ribellione contro lo status quo. Basterebbe guardare chi viene inserito in ciascun circolo infernale. È pieno di papi, nobili, nemici personali e figure mitologiche. Alighieri non salva alcuno dal giudizio di Dio, che in realtà è il suo personale. Le sue taglienti critiche ai costumi e agli usi sono inimitabili, a tal punto che gli italiani ancora lo citano quando vogliono rivolgere un’astuta offesa al proprio avversario. Impudico e irrefrenabile, l’Inferno è il preferito di tutti. Mi piacque anche il Purgatorio, dove la politica e le zuffe medievali la facevano da padrone. Il Paradiso era troppo sdolcinato e paradisiaco per catturare il mio cuore agitato da adolescente, pertanto sospendo il mio giudizio finché non lo leggerò in anni più maturi.

Aspetta! E se non me lo permettessero? Quello che questo “consulente speciale” dell’ECOSOC sta cercando dire all’ONU è che Dante non va letto, esattamente a causa del suo linguaggio inadeguato e offensivo nei confronti di ebrei, mori e omosessuali. Non riuscendo a comprendere cosa sia adeguato e “quando”, Gherush92 bandisce inter Canti. Prima di alzare la mano e ricordare a queste persone chi usava bandire, o bruciare, i libri in passato, dovremmo prima ragionare sulla nozione di adeguatezza e di “politicamente corretto”. Le parole possiedono e mutano di significato e io non capisco perché dovremmo artificialmente imporre costrizioni nel linguaggio.

La grammatica e l’etimologia mi sono molto care. Faccio tesoro di quello che leggo e cerco di replicare i miei pensieri al massimo della precisione, impiegando le parole e le strutture più adatte. Non è un segreto che io parli e scriva lentamente, e questa è proprio la ragione principale. Usa parole inadatte e sarai letto e ascoltato, o peggio classificato ed etichettato, in un modo che è lontano dal tuo vero carattere. Non credo ci sia niente di peggio che finire in questo cul-de-sac. Non è necessario far di sé un marchio, sempre diverso dagli altri, ma è sano definire il proprio carattere con una scelta di parole molto precisa. Questa scelta è “politica” in ogni senso, per questo odio il cieco inseguimento del “politically correct”.

Nel 2000 non puoi dire “negro” e probabilmente si dovrebbero bleepare tutte le citazioni di quella parola negli spettacoli radiofonici, e cassare quella parola da libri e articoli scritti negli ultimi due secoli. Non si può dire “ebreo” (con un tono negativo) in nessuna lingua, e quindi bisogna cancellare, obliterare qualsiasi menzione di quella parola (in quel modo) dalla letteratura. Di modo che le culture dominanti possano garantire una salvezza da dizionario agli “ex” popoli oppressi, rendendo alcune parole “illegali”, o semplicemente inadeguate. Tale pratica priva i nostri vocabolari di parole che ci hanno definito in passato, impoverendo il modo in cui parliamo e ci definiamo nel presente.

Per ore, giorni e settimane ho intrattenuto duri e appassionati dibattiti sulla censura con la persona che amo. È sempre divertente e interessante avere certe discussioni con una persona, le cui opinioni sono così importanti per te. Ella stava dalla parte della non-censura, in alcun modo, mentre io ero più una persona da “politicamente corretto”, o meglio “adatto e corretto”. Oggi, Dante mi ha fatto comprendere che era lei ad avere ragione, fin dall’inizio. Nonostante io continui a pensare che sia molto importante che le parole vengano usate in modo da definire in maniera propria (più che in maniera “adatta”) il significato ricercato, non trovo ragionevole la censura. Tagliare, bleepare e cancellare sono strumenti in mano ai potenti, usati per costringere la libertà di parola di chi nulla ha. Il discorso “consono, opportuno” è generalmente meno libero rispetto al suo fratello “inopportuno”.La censura ex post, come nel caso odierno è capitato a Dante, rappresenta un chiaro disegno per il declassamento della cultura a mero servizio delle “buone maniere”. Solo qualche mese fa, in America, “Shit questo e quello say” era un tema caldo su YouTube. Gli spettatori ridevano con quei video perché spesso si rivedevano cadere negli stereotipi che quegli attori improvvisati portavano all’esagerazione. Credo che sia inopportuno generalizzare gli atteggiamenti personali in maniera così categorica: equivale a sottovalutare le differenze tra individui che condividono genere, cultura e stile di vita. Ciononostante, è necessario capire che le buone maniere con le quali deprechiamo tali atteggiamenti è un segno di censura. Se io inserissi termini omofobici o razzisti in un mio sfogo, mi piacerebbe essere definito omofobico o razzista. Ciò che una società non dovrebbe fare è impedire alle persone di esprimere quello in cui credono. Giordano Bruno, insieme a tanti altri, fu bruciato vivo per aver dato forma di parola ai suoi pensieri “inopportuni”. La stessa Divina Commedia fu bandita per molti anni. Galileo dovette negare se stesso di fronte a una giuria per salvare la propria vita dal patibolo, nonostante quello che abbia detto si sia rivelato non solo adeguato, ma anche scientificamente corretto – a seguire l’esempio di Gherush92, dovremmo bandire Dante per essere antiscientifico, dato che si riferiva al pianeta Terra come a una superficie piatta!.

Voltaire espresse con sapienti parole quella che penso debba essere la massima delle persone illuminate: “Non condivido la tua opinione, ma morirei per difendere il tuo diritto di esprimerla”. Adesso vado a comprare qualche copia della Commedia. Non vi dirò dove le nascondo, così potrò somministrare alcune di queste ai giovani di domani, quando l’Era Oscura della censura e dell’ignoranza arriverà.

p.s.: al Liceo leggevo avidamente Dante. Ma non mi sono trovato quasi mai d’accordo con il Poeta. Mi piacevano il suo modo di scrivere e il suo coraggio nel ribellarsi. Tuttavia, non ho scritto per difendere le sue idee, ma per difendere appunto il suo diritto, anche post mortem di esprimerle, e per definire la censura nella maniera più accurata possibile: “una montagna di merda”.

 

Radikalschik

Giarre, Italy

Allora me le tirate proprio dalla lingua! Continua il dibattito sulla TAV (che ho poco velatamente trasformato in “Monumento alla Velocità” nel post precedente). Ecco le mie riflessioni su chi è contro o appoggia il movimento in maniera acritica.

Un giovedì sera parla Marco Travaglio e tutti i radikalschik zitti ad ascoltare. Poi, subito dopo a “ripetere”, spesso attraverso i social network. Poi, un paio di nerd che sanno usare internet anche al di fuori della cornice blu creata a Mountain View (non sembra, ma fa rima) si prodigano in un breve fact-checking, controllano i numeri che il Santo porta scritti nella sua Bibbiaskine e li confutano, uno per uno. Travaglio ha parlato a milioni di persone, il fact-checking purtroppo arriverà sotto gli occhi di pochi. Questi pochi decideranno di ignorare la lista di nuovi dati (che andrebbero anche questi ricontrollati… uff) oppure si fidano e digrignano un po’ i denti e seguono con il loro dilettoso procrastinare.

Il problema del radikalschik-ismo in Italia è molto diffuso. A differenza degli hippies americani che abbracciano gli alberi e accarezzano pietre miracolose, i radikalschik italiani possiedono un grande amore per la cultura artistica tradizionale (si sorprendono e apprezzano – tutti insieme – le più incomprensibili installazioni solo dopo aver pagato il biglietto per il museo), inoltre sono per tutto ciò che sia all’avanguardia e abbia anche un tono vintage. La “kappa” nel loro nome denota il loro essere al tempo stesso al passo coi tempi e fuori dagli schemi. Non sbagliano congiuntivi, guardano La7 e se capita anche Sanremo o la DeFilippi, ma solo per notare il taglio scelto dal regista nella ripresa del live, o la l’incomprensibile accostamento di colori che tal tronista propone. Mai partigiani, individuano con lungimiranza il carro dei vincitori e vi saltano su, indifferenti.

Ma perché parlo di problema? Cosa c’è di male nel comportarsi secondo una moda? Il problema è politico. Effettuare una scelta, prendere una posizione e anche correggerla se non si ritiene più adeguata sono pratiche faticose. Ma queste sono appunto “pratiche politiche” per definizione. E i radikalschik sono troppo pigri (o codardi) per fare. Essi si limitano a sbuffare, leggere Repubblica anche quando si trasforma in tabloid, ascoltare Travaglio e Di Pietro e definirli leader della sinistra, fumare tabacco e leggere l’ultimo Premio Strega. Quando sono costretti a fare scelte dimostrano tutta la propria pochezza politica con l’illogicità che li contraddistingue.

Mi spiego: il radikalschik va a mangiare “al macrobiotico” (eh?), compra cibo “biologico”, manda messaggini da 2 euro per le campagne di Emergency, raccoglie fondi per l’Ail, condivide link “indignati” su facebook. In sostanza, impiega le risorse di tempo e denaro che ha in “cause giuste”. Fin qui, niente da dire, anzi. Questa caratterizzazione riflette benissimo molti dei miei amici più cari e a volte anche me stesso (ancora non so cos’è il macrobiotico, però).

Sulla TAV, tuttavia, il radikalschik non si schiera con la ferrovia anni Settanta (dell’Ottocento), nonostante la sua carica vintage sia molto forte. Il radikalschik è pro-TAV, perché è assurdo che per una piccola valle italiana si monchi il mastodontico progetto europeo di unire Est e Ovest. Perché spostare il traffico dalla gomma al binario è meno inquinante e più sostenibile.

Marchionne che trasferisce le fabbriche in Slovenia e in Serbia per non pagare il costo del lavoro degli operai italiani è cattivo. Ma portare le automobili Fiat dagli stabilimenti di Bratislava a Torino, ironia della sorte!, è più ecologico se fatto col treno! E intanto ci sono sfruttati sempre più sfruttati, disoccupati sempre più disoccupati e Marchionni sempre più Marchionni (p.s. ai radikalschik piaceva così tanto il suo tenore casual con il maglioncino!). Ci sono le arance siciliane a Valencia e le arance spagnole a Catania, i vestiti del Bangladesh in tutti gli H&M d’Europa e i jeans turchi (dal design tossico italiano) nelle metropoli più importanti del vecchio continente. Il capitalismo più barbaro ha fretta perché l’ultima frontiera del profitto è la competizione contro il tempo. E noi gli diamo l’Alta Velocità. Cose (vagoni) che muovono cose (prodotti) più in fretta, mica servizi per passeggeri o pendolari. C’è una sola ragione per dire NO alla TAV, ed è tutta politica. Bisogna avere il coraggio di dire no a un servizio al capitale pagato con i soldi dei contribuenti (anche quelli della UE sono dei contribuenti). Anche se questo significa traffico su gomma (i noTAV bloccano soprattutto le autostrade, ci abbiamo fatto caso?) e prodotti più cari di qualche centesimo. Senza che sia neanche necessario un discorso sulle possibili infiltrazioni della malavita nelle opere pubbliche in Italia.

“Ma questa è una critica al sistema. Troppo ambiziosa, il capitalismo non verrà mai scardinato dall’esterno. È solo attraverso la riforma delle regole che si possono attutire le sue contraddizioni” mi risponderebbe un radikalschik, se avesse abbastanza energie da dedicare a questo pensiero. Ma no, troppo difficile, non scomodiamoli su questo. Sono talmente pigri che condivideranno il link di questo post sul loro profilo di facebook senza neanche aver letto fin qui.

La pecorella e il lupo

Giarre, Italy

Stanco di leggere “anch’io sono #pecorella” su twitter e sui giornali (trova le differenze), ho deciso di saltare sul pezzo. “Un giovanotto con accento del Sud”, come lo definisce il Corsera di oggi 1 Marzo, si avvicina alla faccia mascherata di un poliziotto in tenuta da sommossa e lo riempie di insolenti domande retoriche: “Perché non spari? Sei una pecorella?”. Il filmato va in onda. La Santa Conservazione Italiana si erge a difesa dell’eroe nazionale, il celerino che non reagisce ai violenti attacchi di un barbaro. Il malcapitato, stranito come me, fatica a definirsi eroe. “Ho fatto solo il mio dovere”, dice. Appunto. Come il suo dovere ha fatto chi ha protestato contro il dispiegamento di forze dell’ordine invece di quelle della ragione. La pecorella e il lupo sono la stessa persona. Uno solo di loro non è libero. (Non volendo essere troppo duro col mondo animale, non sono rimasto totalmente fedele al titolo della presente favola. Ma chi, a questo punto, è aduso al rispetto della parola data?)

In un lontano castello, un re, stanco di vedere ogni mattina un fazzoletto verde ai piedi del lato sud del proprio castello, chiama il suo ciambellano. – Affacciati dall’ultima finestra, fuori dalle mura, sì, là in fondo. Vedi? M’abbaglia! È la parte del mio regno che detesto di più. Anche gli ospiti stranieri che ricevo a corte mi hanno fatto notare quanto fastidioso sia all’occhio. Appena arriverà la stagione della transumanza, dirai al pastore che teniamo lì di non tornare più. Al posto di quell’appezzamento, ergeremo un monumento… alla velocità. Non per niente sono il sovrano che ha costruito più strade e ponti nella storia!

Il ciambellano annuisce a ogni pausa del sovrano. Il re lo licenzia con alcune disposizioni sulla produzione di armamenti militari. Il suddito si accomiata e va a parlare dell’accaduto con l’ambasciatore francese, per conoscere anche la sua opinione sulla tonalità di verde che quell’angolo di mondo riflette. Il legato si dice sorpreso del parere del re, ma non disdegna la proposta di costruire un monumento. Chiede infatti di poter suggerire alcuni ingegneri parigini per la sua progettazione, così da rinsaldare le relazioni diplomatiche tra i due Stati, non proprio tranquille in quel periodo.

Dopo qualche giorno, il ciambellano chiama due guardie e marcia verso la casupola del pastore. Gli angoli dei suoi occhi sono raggrinziti dal bagliore di quel verde. Suona la trombetta del messo e battono le picche dei soldati. Il pastore, che riposava dopo un’intera mattina nel campo, salta giù dal letto e si precipita alla porta. Il ciambellano gli dà un foglio sul quale è inciso il suo ordine di sfratto. Il sorriso di circostanza del pastore ricorda al ciambellano quanto inutile fosse quella pratica regia che proibiva ai messaggeri del sovrano di parlare ai sudditi prima di aver mostrato loro il volere di sua maestà in forma scritta. La mano rugosa del pastore stringeva il foglio di traverso. Il ciambellano procede allora a comunicare l’editto. – Per volere di Sua Maestà il Re, devi immediatamente sgombrare il tuo alloggio e trovare un altro affitto per te e per le tue pecore. Per ogni quattro pecore, ne lascerai una. Il Re disporrà di una grande festa per l’annuncio della costruzione del Monumento alla Velocità.

Il supponente ciambellano, che aveva appena mentito sul volere del suo sovrano, si volta e, seguito dalle guardie dalle lunghe picche, si incammina verso il castello.

Il giorno seguente, il re passa dall’ultima finestra e, con somma sorpresa vede il pastore rinforzare il recinto che aveva costruito contro volpi e lupi attorno al verde fondo. Ma l’accecante luce verde lo distoglie presto dal suo disinteressato ufficio. Al ciambellano, invece, non sfugge l’atteggiamento di sfida del terrone. Per di più, si odono i belati degli ovini fastidiosi fino alle torri più alte. Chiaramente, sono confusi dal rumore e dai frenetici movimenti del loro pastore, ma al ciambellano pare che questa sia l’ennesima prova della loro condotta irriverente. Si precipita dal re e chiede il permesso di infliggere una punizione al pastore che, invece di lavorare, si occupava di rinforzare il recinto nonostante non si fosse verificato un attacco di volpi o lupi da molti decenni. Il re siede in riunione con il ministro della difesa, confuso alla richesta di quest’ultimo di rallentare il processo di reclutamento, che anche a detta del ministro dell’economia e della famiglia avrebbe sottratto valida forza lavoro dai campi, soprattutto dato l’avvicinarsi dell’estate. Assorto in mille pensieri, il re grugnisce verso l’impertinente ciambellano che, gonfiatosi il petto, lascia la camera del consiglio.

– Andate e distruggete il recinto. Dopo che avrà lasciato quella baracca e che avremo costruito il Monumento alla Velocità, non ce ne sarà bisogno comunque. Ma così facendo, comprenderà che non può disobbedire o modificare la volontà del nostro Sovrano.

Così istruite, le guardie marciano, picche e picconi in mano, verso la valle verde. Sorpresi, si imbattono nel gregge di pecore appena fuori dal recinto. Le pecore non accennano a indietreggiare. Uno strano senso di conservazione prende d’improvviso questi animali che non possono conoscere le intenzioni dei soldati o gli ordini impartiti dal ciambellano. Ma l’ostilità della schiera armata si sente nell’aria. Una pecora prova ad allontanare un militare con la sua soffice testa cotonata. L’impavido, trasfigurazione del braccio armato del sovrano, alza minaccioso la sua picca, ma poi ripensa all’editto e comprende che se la sua squadra uccidesse le pecore del gregge, non ne rimarrebbe alcuna disponibile per le celebrazioni. E il sovrano, dispiaciuto, prenderebbe provvedimenti disciplinari molto severi nei loro confronti.

L’assedio al recinto dura molte ore. L’atteggiamento sempre più minaccioso dei soldati tiene viva l’attenzione delle pecore, ma appena il sole fa di nuovo capolino tra gli alberi, la luce riflessa dalle foglie e dalla gramigna attira come musica celestiale le viscere degli affamati ovini, che si disperdono per cibarsi.

In quel momento, i soldati sono sorpresi dal pastore che, uscito dalla baracca, chiede di vedere il re. A nessuno può essere vietato di vedere il re, per qualunque motivo. È la legge che lo sancisce. Ma prima bisogna che passi lo “standard di sicurezza nazionale”, il cui censore è appunto il ciambellano. Informato dall’ansante guardia del volere del pastore e della stanchezza dei suoi compagni, il ciambellano risponde: – Il pastore è chiaramente una minaccia alla sicurezza nazionale. Bisogna radere al suolo il suo recinto, il suo alloggio e sterminare il suo gregge, meno venti pecore, da sequestrare e tenere dentro le mura in vista della festa di autunno. Inviate anche i contingenti del lato nord e ovest.

Nero e immenso, si staglia il Monumento alla Velocità. Dove il verde del pascolo assorbiva lo splendore solare per poi ritrasmetterlo in tutto il regno, adesso si erge un ammasso di lamiere francesi controproducente e pericoloso, visto che l’opera di ingegneria è stata interamente progettata in Francia, senza tener conto della conformazione oro-geografica e idro-geologica del luogo. Oltre a poter crollare da un momento all’altro, il suo colore nero assorbe tutta la luce del sole sul lato sud del castello, cosicché anche il resto delle piante e degli oggetti perde colore. Tutto si fa grigio.

Grigio come le armature dei soldati, come la barba del vecchio pastore morto in prigione, come i capelli dell’indolente sovrano, come i piatti sui quali la carne di pecora celebrò il Monumento alla Velocità, come gli occhi gelidi del ciambellano, come il pelo dei lupi che sono tornati ad aggirarsi intorno al grigio castello.


Morale: rispettiamo le parole, #pecorella non è un insulto, né un pregio. Ci sono parole più adeguate per descrivere un rappresentante dello Stato che usa violenza contro chi ha giurato di difendere (anche quando non lo fa, nonostante sia vestito per questo). Non dimentichiamoci però di prendercela con il corrotto ciambellano e con l’ignorante e iniquo re.